“Città di vita” era Venezia ne Il Fuoco di Gabriele D’Annunzio. Un luogo dalla vitalità di una fiamma inestinguibile attraverso un velo d’acqua. Il suo fascino ha ispirato i versi dei più grandi scrittori e la sua posizione strategica, al crocevia tra Oriente e Occidente, l’ha resa meta prediletta dei commercianti medievali, tra questi Marco Polo, del quale quest’anno ricorre il 700esimo anniversario di morte. Proprio la magia di Venezia lo scorso martedì 11 giugno ha fatto da sfondo alla sfilata Max Mara Resort 2025, Venetia, andata in scena a Palazzo Ducale.

La collezione Max Mara Resort 2025

La collezione Max Mara Resort 2025 (P/E 25) è una celebrazione del patrimonio culturale di Venezia e della figura di Marco Polo, mercante medievale dalla mente curiosa e aperta. Il Milione (XIII secolo), resoconto dei suoi viaggi in Asia, è un’inesauribile fonte d’ispirazione per la maison che reiventa i suoi classici seguendo la rotta del viaggiatore veneziano.

Al tramonto, nella suggestiva cornice del loggiato di Palazzo Ducale, sfilano cappotti, trench, parka, tabarri e spolverini, in varie tonalità di bianco, beige e marrone. Lana di cammello e cachemire sono le protagoniste e rievocano gli anni che Marco Polo visse alla corte di Kublai Khan, in Mongolia. Questi preziosi tessuti, realizzati lì con grande maestria, arrivavano in Occidente attraverso la Via della Seta. Dal Catai o da Costantinopoli invece, il mercante veneziano avrebbe portato le sete, anche queste presenti nella collezione Max Mara Resort 2025.

Photos credits: Courtesy of Max Mara
Photos credits: Courtesy of Max Mara
Photos credits: Courtesy of Max Mara

Dal giorno alla sera

Per un’eleganza quotidiana ci sono i tailleur dal taglio fluido, shorts, maglieria ricamata, camicie e bluse dalle maniche svasate e pompose. La seta e il velluto invece, declinati su abiti e eleganti spolverini, sono la scelta giusta per le occasioni più speciali.

Le nappe e i cordoncini maxi che cingono la vita hanno il sapore del passato medievale, mentre gli eleganti turbanti, realizzati dal celebre cappellaio britannico Stephen Jones, ci riportano all’Oriente. Il vero lusso è nei dettagli degli abiti e non serve aggiungere altro, per questo le scarpe sono basse e rigorosamente con il cinturino alla caviglia.

Photos credits: Courtesy of Max Mara
Photos credits: Courtesy of Max Mara
Photos credits: Courtesy of Max Mara
Photos credits: Courtesy of Max Mara
Photos credits: Courtesy of Max Mara
Photos credits: Courtesy of Max Mara
Photos credits: Courtesy of Max Mara
Photos credits: Courtesy of Max Mara

La donna Max Mara

La Collezione Venetia è sontuosa e multiculturale e la donna che la indossa incarna lo spirito della Serenissima. Parlano della città le stampe ispirate ai mosaici di San Marco, i ricami che ricalcano le foglie ornamentali del gotico veneziano o ancora i preziosi broccati con bouquet floreali stilizzati.

Photos credits: Courtesy of Max Mara
Photos credits: Courtesy of Max Mara
Photos credits: Courtesy of Max Mara

Venezia fonde e reinventa le culture dell’est e dell’ovest: ecco i motivi che richiamano lo zoroastrismo, l’induismo e il concetto filosofico cinese dello Yin e Yang. Non a caso armonia, progresso, potere, insieme a grazia, lealtà e giustizia erano le qualità attribuite alla Serenissima, donna allegoria della città. In questo luogo infatti, le donne godevano di maggiori privilegi e potere, perchè uomini come Marco Polo impegnati in lunghe missioni commerciali, lasciavano proprio al loro il comando.

La collezione Max Mara Resort 2025 reinterpreta gli evergreen della maison in chiave contemporanea nel segno della città di Venezia. Qui, dove ebbe inizio il commercio del lusso e la fusione di più culture ha dato vita alla magia di cui siamo ancora testimoni.