6 motivi per vedere Suicide Squad

17 08 2016 di Lorenzo Ormando

Un cast pazzesco e gli antieroi più cool del momento: ecco perché Suicide Squad con Jared Leto, Margot Robbie e Will Smith è un film da non perdere

L'attesissimo Suicide Squad è finalmente nelle nostre sale e, nei primi due giorni di programmazione, ha già incassato quasi 2 milioni di euro. Non hai ancora visto il blockbuster di cui tutti parlano? Ecco 6 motivi per cui, secondo noi, dovresti correre al cinema:

1. Ci sono gli antieroi più cool dell'anno: Se pensi che si tratti del solito film di supereroi, dovrai ricrederti. Al centro della storia troviamo infatti un gruppo di super criminali, tutti rinchiusi in un carcere di massima sicurezza. Hanno dei nomi strambi: Diablo, Deadshot, Harley Quinn, Capitan Boomerang e Killer Croc. Ciascuno ha una sua specialità, ma li unisce il fatto di essere delle vere e proprie bombe ad orologeria. Pur di ottenere una riduzione della loro pena, i suddetti cattivi accettano di collaborare col governo per difendere gli Stati Uniti da un presunto attacco terroristico. Faranno scintille.

2. Il cast è pazzesco: Per dare vita a questa squadra esplosiva il regista David Ayer ha scelto degli attori da urlo. A cominciare da Will Smith, interprete del cecchino Deadshot, che dopo aver interpretato per anni la parte dell'eroe senza macchia e senza paura, ora passa per la prima volta al "lato oscuro". Raccoglie applausi anche il premio Oscar Jared Leto, che si cala nei panni del clown di Gotham City per eccellenza, un Joker in versione gangster dai capelli verde elettrico. Ma della lista fanno parte anche la bellissima Margot Robbie, la strepitosa Viola Davis e l'ex top model Cara Delevingne, qui nei panni di una strega incantatrice.

3. Anche i cattivi hanno un cuore: Ciò che li rende interessanti è che hanno spessore, come sottolinea il regista: « Hanno commesso degli errori ma, nel profondo del cuore, sognano una vita normale e una famiglia che li ami. Ecco cosa li rende vulnerabili e fragili, dunque umani ». Per Will Smith il suo Deadshot è mosso soprattutto da sentimenti paterni: « Non è solo il criminale ricercato dalla polizia, ma anche un padre premuroso che non vede sua figlia dal giorno dell'arresto. Quando gli verrà chiesto di aiutare il governo, farà solo una richiesta: poterla rivedere il prima possibile ».

4. Lo stile di Harley Quinn: Senza dubbio il personaggio più riuscito di tutti, l'Harley Quinn di Margot Robbie è già diventata un'icona, con il suo fisico slanciato, la mazza da baseball e i capelli biondi dalle sfumature rosa e blu. Al Comic-Con di San Diego, la più importante convention di cinema e fumetti in America, c'erano centinaia di ragazze vestite come lei. I fan la adorano e già si parla di uno spin-off dedicato a lei. « Sono fortunata, non capita tutti i giorni di poter interpretare un ruolo così complesso. C'è ancora molto da raccontare su Harley, spero di rifarla il prima possibile » ha spiegato l'attrice australiana, 26 anni.

5. Un Joker da metodo: Questa è la quarta volta che l'acerrimo nemico di Batman arriva sullo schermo: il primo è stato Cesar Romero nella serie tv Batman, andata in onda negli anni '60, mentre al cinema lo hanno interpretato prima Jack Nicholson e poi Heath Ledger, che per la sua performance ha ricevuto un Oscar postumo. Ora è il turno della rockstar Jared Leto, 44 anni, il quale ha fatto un lavoro sopraffino: sul set non usciva mai dal personaggio, al punto che Cara Delevongne ha dichiarato: « Nonostante abbiamo lavorato insieme per sei mesi, non ho mai conosciuto Jared Leto. Non parlava con noi, rispondeva solo al nome di Mr. J. e aveva il vizio di spedire a ogni attore del cast dei "regali" particolari: proiettili, topi e perfino un maiale! ».

6. Parla di un amore ossessivo: Prima di passare dalla parte del male, Harley Quinn lavorava come psichiatra presso l'Arkham Asylum, dove era rinchiuso il Joker. Dopo essersi innamorata di lui, Harley lo aiuta ad evadere. Questo è l'inizio di una storia d'amore malata, in cui lei finisce per smarrire completamente la propria identità. « L'amore può essere tante cose: può salvare e curare le persone oppure può distruggerle. In questo caso raccontiamo una relazione tossica » ci ha raccontato Margot Robbie nella nostra video intervista. Secondo Jared Leto, invece, non si può nemmeno parlare d'amore: « Io la definirei più un'ossessione. È la prima volta che vediamo il Joker con una donna, perciò questo sarà un territorio nuovo da esplorare ».

Riproduzione riservata