I bonus per neomamme in difficoltà

Non solo bonus nidi. Le neomamme senza lavoro e le famiglie numerose a basso reddito possono chiedere contributi extra passando dai comuni di residenza. Tutto quello che c’è da sapere 

Solo nel primo giorno utile per la presentazione della richiesta per i bonus asili nido, quest’anno all’esordio, risultano presentate all’Inps 19.788 domande. Il budget totale assegnato sempre nel primo giorno utile risulta pari a 10.612.802,45 euro, su un plafond complessivo di 144 milioni di euro stanziati per l'anno 2017. Non basteranno per tutte le madri. A disposizione per fortuna non c’è solo questo tipo di sostegno economico . Ci sono altre integrazioni statali. E ci sono due tipologie di aiuti pubblici che passano dai comuni: l’assegno di maternità di base per casalinghe e donne disoccupate e l'assegno per i nuclei familiari con almeno tre figli minori, benefit legati al reddito. Singoli enti locali, poi, mettono a disposizioni ulteriori strumenti. A Milano, ad esempio, viene accreditata una somma per pagare la tata o gli acquisti di prodotti per i piccoli di casa.

1. Assegno di maternità di base

Nei portali dei singoli comuni si trovano spiegazioni e indicazioni e a volte – è il caso di Genova - anche i moduli. L’assegno di maternità di base, chiamato anche assegno di maternità dei comuni, è una prestazione assistenziale concessa dai comuni e pagata dall'Inps alle mamme non lavoratrici, con il reddito sotto una certa soglia e requisiti prefissati. Per quest’anno il contributo è pari a 1.694,45 euro.

Che requisiti occorrono per l'assegno di maternità?

Per accedere al contributo, come si spiega nel portale del comune di Milano, bisogna avere la residenza nel territorio dello Stato al momento della nascita del figlio o al momento dell’ingresso nella propria famiglia anagrafica di un minore ricevuto in affidamento preadottivo o in adozione senza affidamento. Il diritto spetta a: cittadine italiane o di uno dei Paesi dell’Unione Europea; cittadine non comunitarie in possesso dello status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria; cittadine non comunitarie in possesso di permesso di soggiorno. Il figlio, se non è nato in Italia o non è cittadino di uno stato dell'Unione Europea, deve essere iscritto sul permesso/carta di soggiorno di uno dei genitori.

Quali sono i limiti di reddito e di status?

Per avere l’assegno comunale bisogna essere casalinga o disoccupata o non aver beneficiato di alcuna forma di tutela economica della maternità dall’Inps o dal datore di lavoro per il periodo di maternità, oppure aver ricevuto prestazioni inferiori al valore dell'assegno stesso (sempre 1.694,45 euro per l’anno 2017).

Non solo. C’è i il filtro del reddito. Non bisogna aver superato 16.954,95 euro di valore Isee per l’anno 2017. L’assegno è cumulabile con altri bonus. Non è invece cumulabile con trattamenti previdenziali, tranne se si ha diritto a percepire la differenza.

Dove si presentano le domande?

La domanda, risponde l’Inps, va presentata al comune di residenza, al quale compete la verifica della sussistenza dei requisiti per la concessione delle prestazione. Ci sono delle eccezioni. A Milano e a Roma, ad esempio, le istanze vanno inoltrate alle amministrazioni comunali attraverso i caf convenzionati (la gestione della pratica è gratuita). A Palermo i punti di riferimento sono le singole circoscrizioni comunali. Il consiglio è di verificare città per città, consultando i portali ufficiali o con una telefonata.

Quali documenti preparare e allegare? 

Alle domande vanno allegate: fotocopia della certificazione Isee completa di Dichiarazione sostitutiva unica (Isee ordinario valido per prestazioni agevolate rivolte a minorenni), fotocopia della carta di identità o valido documento di identità e del codice fiscale della richiedente; fotocopia del permesso di soggiorno della richiedente (per le neomamme straniere); fotocopia del permesso di soggiorno del bambino (in mancanza di esso alla data di presentazione della domanda, la richiedente dovrà esibirlo non appena ne entrerà in possesso); fotocopia delle coordinate bancarie intestate alla dichiarante (codice Iban), eventuale fotocopia dell’attestazione di rifugiata politica/prestazione sussidiaria; eventuale fotocopia della sentenza di divorzio/omologa di separazione; copia del provvedimento di adozione/affidamento preadottivo o dichiarazione relativa.

2. Assegno al nucleo familiare

L'assegno al nucleo familiare è un contributo economico erogato dall'Inps per tredici mensilità alle famiglie in cui sono presenti tre o più figli minorenni. L’importo massimo previsto, spiegano dalla Camera del lavoro di Milano, è di 1.836,90 euro per un periodo di dodici mesi e tredici mensilità. La somma scende se sono stati meno, nel corso di un anno, i mesi di compresenza dei minori nello stato di famiglia del/della richiedente. L’Inps effettua il pagamento degli assegni con cadenza semestrale posticipata.

Che requisiti occorrono per l'assegno al nucleo familiare?

I requisiti richiesti e le carte da allegare all’istanza sono simili a quelli previsti per l’assegno di maternità. In più,va da sé, bisogna avere tre o più figli minori iscritti nella stessa scheda anagrafica e fornire la documentazione relativa ai figli. Per questa tipologia di contributi, il valore Isee del nucleo familiare non deve essere superiore a € 8.555,99 per l’anno 2017. Le domande vanno presentate al comune di residenza (o ai caf convenzionati, dove previsto) entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello per il quale è richiesto il beneficio (per ottenere gli assegni relativi all’anno 2017, la richiedente deve inoltrare l’istanza entro il 31 gennaio 2018).

3. Altri benefit dagli enti locali

A queste due tipologie di assegni – quello di base e quello per le famiglie numerose – i singoli enti locali possono aggiungere misure di sostegno extra. Il comune di Milano, per esempio, ha appena presentato il “reddito di maternità”. Il contributo, pari a 1.800 euro per un anno (e per ciascun figlio, in caso di gemelli), sarà erogato per tutti i nuovi nati a partire dal mese di aprile 2017, purché l’Isee familiare non superi 16.954,95 euro. L’importo previsto, frazionato in 12 quote mensili da 150 euro, verrà caricato su carta elettronica ogni due mesi. Potrà essere utilizzato per acquistare prodotti per la cura dei bambini in una rete di rivendite autorizzate e/o per pagare servizi, come la tata o la baby-sitter (reperibili sul sito www.wemi.milano.it o allo sportello CuraMi – Wemi presso il Pio Albergo Trivulzio). In questo caso le domande e la documentazione vanno inviate all'indirizzo di posta elettronica pss.sostegnoalreddito@comune.mi. Verrà creato l'elenco degli aventi diritto e da ottobre si procederà all’assegnazione.


Bonus figli 2017: quali sono e come usufruirne

VEDI ANCHE

Bonus figli 2017: quali sono e come usufruirne

Tutti i bonus 2017 per ristrutturare la casa

VEDI ANCHE

Tutti i bonus 2017 per ristrutturare la casa

Riproduzione riservata