Come controllare la mensa scolastica

05 09 2016 di Giorgia Nardelli
Credits: olycom

I genitori possono assaggiare i pasti e verificare le cucine delle scuole dei loro bambini. Vuoi fare parte di un comitato mensa? Leggi qui

Secondo il rapporto dei Nas 2015/2016, in Italia una mensa scolastica su quattro non è a norma. Durante le 2.678 ispezioni, i Carabinieri hanno trovato irregolarità in 670 casi, 37 strutture sono state chiuse, 4.200 chili di alimenti sono stati sequestrati. In molti Comuni, però, ci sono comitati di genitori che assaggiano i pasti e ispezionano le cucine, verificando periodicamente che il servizio fornito sia adeguato. Se vuoi farne parte, segui le indicazioni della Rete nazionale commissioni mensa.

Prima mossa: entrare in un comitato

Innanzitutto, verifica che nella tua città esistano i comitati mensa chiedendo al dirigente scolastico o al settore istruzione del Comune. In caso affermativo, per entrare in quello della scuola di tuo figlio, informati sulle modalità di accesso dai rappresentanti dei genitori. Se il comitato non esiste, puoi promuoverne uno, come previsto dalle Linee guida regionali o nazionali della refezione scolastica. Devi poi ottenere il riconoscimento dall’assessorato all’Istruzione. Per informazioni e dubbi, chiedi aiuto ai genitori della Rete nazionale commissioni mensa (retecmnazionale@gmail.com).

Cosa puoi verificare 

Se sei parte di un comitato puoi assaggiare i pasti, controllare se piacciono ai bambini, verificare la quantità delle porzioni, l’ordine e la pulizia dei locali e del personale. Puoi infine visitare le cucine o i centri pasto e chiedere di visionare le etichette dei prodotti per controllarne la qualità e la provenienza. Nei Comuni più virtuosi le visite si possono svolgere a sorpresa ed è possibile fare foto. 

Se scopri irregolarità 

Puoi segnalare i casi più gravi alla Asl o ai Nas. Gli altri problemi vanno indicati nelle schede di rilevazione da consegnare al Comune: sarà l’amministrazione a farlo presente alla società che ha in appalto la refezione. Il consiglio è fare pressione con mail e telefonate perché le note negative abbiano un peso.

Riproduzione riservata