Partecipa all'iniziativa "Vivi una giornata da star con Donna Moderna". Darai una mano ai piccoli sordociechi assistiti dalla Lega del Filo d'Oro

Come funziona l'iniziativa

Se vuoi vivere una giornata da star con Donna Moderna e, in più, dare una mano ai piccoli pazienti sordociechi della Lega del Filo d'Oro, partecipa alla nostra iniziativa. Collegati alla piattaforma CharityStars dal 26 ottobre al 16 novembre e prendi parte alla nostra asta di beneficenza intitolata "Vivi una giornata da star con Donna Moderna"

In palio c’è un giorno in uno studio fotografico con lo staff del giornale, che ti farà diventare protagonista di un servizio di moda. Il 23 novembre alle 10 presso gli studi di Cernusco sul Naviglio (Mi), sarai truccata e pettinata da un make-up artist che ti svelerà i segreti per valorizzare al meglio il tuo viso e i tuoi capelli. Gli stylist ti aiuteranno a scegliere 4 look completi che indosserai per posare davanti all’obiettivo. Gli scatti e il video di questa giornata speciale saranno pubblicati sul sito di Donna Moderna donnamoderna.com e sulla rivista.

Il tuo gesto servirà a raccogliere fondi per realizzare il nuovo centro che la onlus Lega del Filo d'Oro sta costruendo a Osimo (An). 

Partecipa! Diventerai modella per un giorno e farai del bene a tanti bambini.

Cosa fa la Lega del Filo d'Oro

Il Centro nazionale della Lega del Filo d'oro, a Osimo (An) è l'approdo di tanti piccoli sordociechi e con disabilità psicosensoriali che vengono da tutta Italia. Vicino alla struttura storica svetta quella nuova, con una via vai di operai e il cartello “Lavori in corso” che scomparirà tra 12 mesi. «Accogliamo 200 bambini ogni anno, nell'altro polo ne ospiteremo più di 300 e dimezzeremo e tempi di attesa» dice Patrizia Ceccarani, direttore tecnico-scientifico della onlus. «Il nostro punto di forza? L'intervento precoce: lavoriamo con neonati di pochi mesi perché se li seguiamo subito possiamo insegnare loro a muoversi, a imparare, a leggere. Insomma, a vivere. Ci riusciamo con una squadra di specialisti diversi: i medici per diagnosi e cure, poi fisioterapisti, logopedisti, musicoterapisti, psicologi. I pazienti, poi, rimangono tali per anni, li ritroviamo per ricoveri periodici, di solito annuali, e quindi creiamo un ambiente speciale, unico. Su questo fronte, il nuovo centro sarà all'avanguardia, con stanze a illuminazione speciale, vibrazioni per chi non sente, schermi touch-screen e arredi studiati per queste disabilità».

Il centro di Osimo (An) della Lega del Filo d'Oro visto dall'alto.

Il nuovo padiglione in costruzione del centro di Osimo (An) della Lega del Filo d'Oro.

Riproduzione riservata