Donne al potere: 50 anni fa la prima, Sirimavo Bandaranaike

16 07 2010 di Simona Santoni

Era il 20 luglio 1960 e divenne primo ministro dello Sri Lanka. Da allora l'altra metà del cielo ha guadagnato posizioni. Pochi gli stati in cui nessuna è mai stata almeno candidata premier. Tra questi l'Italia

Il 20 luglio del 1960 una sconosciuta signora dello Sri Lanka diventava premier. Suo marito primo ministro venne ucciso, e lei ne prese il posto. Si chiamava Sirimavo Bandaranaike (nella foto, la prima a sinistra) e fu la prima donna al mondo con un simile incarico: il primo passo verso un cammino di crescita del ruolo femminile.

A cinquant'anni dalla 'prima' dello Sri Lanka, l'altra metà del cielo ha guadagnato posizioni, anche nel continente africano. In Liberia la presidente è Ellen Johnson Sirleaf (nella foto, al centro), la Repubblica Centrafricana invece ebbe come premier Elisabeth Domitien negli anni '70. In Europa svetta su tutte Angela Merkel seduta al timone della grande Germania. Anche la Slovacchia ha da poco il suo primo premier donna, Iveta Radicova. L'Islanda è guidata dal 2009 da Johanna Sigurdardottir, che è anche la prima premier dichiaratamente omosessuale.

L'America ha affidato la sua politica estera ad Hillary Clinton, mentre l'Australia ha scelto la fascinosa Julia Gillard come premier. Nell'America latina Cristina Fernandez Kirchner (nella foto, la prima a destra), presidente dell'Argentina, è un'autentica star politica e mediatica.
Un ruolo di potere molto rilevante, benché non ufficializzato da una carica istituzionale, è quello di Sonia Gandhi, in India. In Pakistan ancora migliaia di persone piangono Benazir Bhutto, per due volte premier, uccisa in un attentato.

Purtroppo però ci sono anche eccezioni, con Paesi in cui finora le donne sono diventate al massimo ministro, e nessuna è mai stata nemmeno candidata al ruolo di premier o di Capo di Stato. Vogliamo sconfortarci un po'? Ecco, tra questi ci sono anche alcuni stati europei, come la vicina Spagna e... la nostra triste Italia.

Riproduzione riservata