Ma voi vi ricordate la vostra estate da bambini?

14 07 2014 di Donatella Gianforma
Credits: Il 19 luglio la fotografa Carla Kogelman verrà premiata al festival Cortona on the move per le immagini emozionanti e poetiche con cui mostra l'infanzia e i giochi di due sorelle, figlie di agricoltori austriaci (www.cortonaonthemove.com)
Hannah & Alena © Carla Kogelman Hannah & Alena © Carla Kogelman
Credits: Le protagoniste di queste foto sono Hannah e Alena, di 7 e 9 anni. Sono nate e cresciute in un villaggio di 170 abitanti che basa la propria economia sulla coltivazione biologica. Il paese si trova nella zona di Waldviertel al confine con la Repubblica ceca.
Hannah & Alena © Carla KogelmanHannah & Alena © Carla Kogelman
Credits: La fotografa olandese ha seguito i giochi e la vita all'aria aperta, negli spazi della fattoria. Anche lei, come le due bambine, è cresciuta in una grande famiglia e riflette nelle foto di Hannah & Alena parte di sé e della sua storia.
Hannah & Alena © Carla KogelmanHannah & Alena © Carla Kogelman
Hannah & Alena © Carla KogelmanHannah & Alena © Carla Kogelman
Credits: Per raccontare la spensieratezza di queste bambine e dei fratelli, la fotografa ha passato intere settimane con la famiglia austriaca. Molte di queste immagini sono state scattate nel 2012, in piena estate.
Hannah & Alena © Carla KogelmanHannah & Alena © Carla Kogelman
Hannah & Alena © Carla KogelmanHannah & Alena © Carla Kogelman
Credits: Il reportage di Carla Kogelman è stato scelto da una giuria internazionale tra più di 2000 lavori fotografici arrivati da tutto il mondo e ha vinto il premio Happiness ONTHEMOVE (felicità in movimento, promosso da Cortona on the move e Consorzio vino Chianti). Il reportage verrà esposto a Cortona nella edizione 2015 del festival.
Hannah & Alena © Carla KogelmanHannah & Alena © Carla Kogelman
Credits: La Kogelman è rimasta affascinata dal modo di comunicare di Hannah e Alena. Le bambine, abituate a trascorrere molto tempo insieme, in totale libertà, hanno sviluppato un linguaggio non verbale: i loro corpi si capiscono senza bisogno di tante parole.
Hannah & Alena © Carla KogelmanHannah & Alena © Carla Kogelman
Hannah & Alena © Carla KogelmanHannah & Alena © Carla Kogelman
Hannah & Alena © Carla KogelmanHannah & Alena © Carla Kogelman
Hannah & Alena © Carla KogelmanHannah & Alena © Carla Kogelman
Foto



Qual è il momento della vostra infanzia in cui vi siete sentite profondamente libere? L'attimo in cui avete guardato alla giornata con gioia autentica e con un desiderio: che quel pomeriggio non finisse troppo presto. Che il sole tramontasse più lentamente e nessuno vi chiamasse per la cena?

Vi racconto il mio. Succedeva sempre alle quattro del pomeriggio. Io ero in giardino accaldata, con i calzoni corti, le ginocchia sbucciate e i miei compagni di gioco, quelli che ritrovavo ogni anno nella casa di campagna. Stavamo scavando la nostra buca, quella in cui secondo noi, prima o poi, avremmo trovato chissà quali tesori. Poi arrivavano le nonne con la merenda e quel pane, burro e zucchero gustato con le mani sporche di terra aveva il sapore dell'estate.

Le foto di Carla Kogelman che hanno vinto il premio Happiness On The Move parlano al cuore e alla memoria di tutti noi che siamo stati bambini in una giornata di sole, lontano dalle città. Con i piedi nudi nei prati o nella sabbia. E con il mondo ai nostri piedi.

Le guardo e spero che mia figlia viva lo stesso splendore, le stesse intense emozioni. La fretta sulle scale quando gli amici chiamano dal cortile, le corde e le assi ritrovate ogni estate per arrampicarsi sull'albero dietro casa, le prime sfide in bicicletta, la corsa all'inseguimento delle cavallette. Lunghe giornate senza più muri nè auto. Protetta dallo sguardo dei grandi ma lontano quel che basta dal mondo adulto.
L'estate dei bambini dovrebbe essere così. Eppure oggi uno studio condotto a Boston ha scoperto l'incredibile. Oggi, quando le scuole chiudono e iniziano le vacanze, molti bambini cominciano a ingrassare. Il loro peso (e, forse, anche la loro noia) aumenta più rapidamente d'estate che durante l'inverno passato sui banchi.

Possibile?

Riproduzione riservata