del

Acqua del rubinetto: come valutare la sua qualità

di Giorgia Nardelli

Chi beve acqua del rubinetto risparmia fino a 270 euro all’anno e produce il 98% in meno di Co2. Ecco come capire se l'acqua del rubinetto è buona

Un caffè con Donna Moderna

Chi beve acqua del rubinetto risparmia fino a 270 euro all’anno e produce il 98% in meno di Co2. Ecco come capire se l'acqua del rubinetto è buona

Chi beve acqua del rubinetto risparmia fino a 270 euro all’anno e produce il 98% in meno di Co2. Sono dati tratti da Le buone acque, il report pubblicato dalla Hera, il maggior gestore del servizio idrico in Emilia Romagna. Secondo i dati raccolti, il rubinetto garantisce anche maggior sicurezza: le società che distribuiscono acqua potabile eseguono in media 2.000 analisi al giorno.

Giorgio Temporelli, esperto in igiene e normative del settore, però, aggiunge «la legge impone una serie di controlli, ma non tutte le acque hanno la stessa qualità». Ecco come puoi valutarla.

Dove trovi le analisi

«Le società che gestiscono il servizio hanno l’obbligo di rendere pubblici i dati aggiornati delle analisi» dice Temporelli. «La maggior parte li pubblica sul sito web, altri in bolletta. Se non li trovi, contatta il servizio clienti del tuo gestore, e chiedi di inviarteli».

Come si leggono le analisi

Cerca i parametri più importanti. «Il primo è il residuo fisso, che indica il contenuto di sali minerali. Per il consumo quotidiano, meglio se è compreso tra i 50 e i 500 mg/litro. Attenzione anche ai nitrati: un valore sotto i 10 mg/litro è indice di purezza. Il limite previsto per legge è 50 mg/l, ma se è già attorno ai 40 l’acqua non è adatta a bimbi molto piccoli» spiega l’esperto.

Attenzione al cloro (limite consigliato: 0,2 mg/l) e ai suoi sottoprodotti: conferiscono un sapore sgradevole. «Puoi risolvere utilizzando una caraffa con i filtri ai carboni attivi, che lo trattengono».

Quando devi rivolgerti a un laboratorio

«Un sapore metallico oppure odori strani possono derivare da problemi ai tubi condominiali» dice Temporelli. «In questo caso ti conviene far analizzare un campione di acqua da un laboratorio privato che ti consiglierà quali parametri controllare in base al tuo problema».

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna