del

Perché ci vergognamo di chiedere la doggy bag?

Portarla a casa è un modo per non sprecare il cibo. In Francia, per ridurre gli avanzi nei ristoranti, è diventata obbligatoria mentre a Londra alcuni locali eliminano il menu a la carte e propongono solo quello fisso (per risparmiare cibo e denaro)

Un caffè con Donna Moderna

Portarla a casa è un modo per non sprecare il cibo. In Francia, per ridurre gli avanzi nei ristoranti, è diventata obbligatoria mentre a Londra alcuni locali eliminano il menu a la carte e propongono solo quello fisso (per risparmiare cibo e denaro)



Una domenica nella Val d'Orsigna, a 75 chilometri da Firenze, la valle dove abitava Tiziano Terzani. Dopo una passeggiata gli amici di Pistoia mi portano al Molino di Berto dove assaggerei di tutto. In tavola arrivano anche gli gnocchi ai mirtilli, questi per me sono una novità e sono divini. Alla fine nel vassoio rimangono un paio di porzioni. Bene, dico io, si chiede una doggy bag? Gli amici mi guardano perplessi e riconosco l'imbarazzo di chi non è abituato a portare a casa quel che resta nel piatto.

La doggy bag esiste là dove c'è tanto cibo (capita di ordinare troppo, che le porzioni siano generose o di non essere per una sera la solita buona forchetta) e non a caso è nata in America. Nel nostro Paese, secondo un sondaggio della Coldiretti, il 25% non la chiede perché lo considera un gesto maleducato, da poveracci, volgare. In pratica, si vergogna. Ma è ora di non farsi più troppi problemi perché la tendenza oggi è di cercare di ridurre lo spreco di cibo. Anche al ristorante.

In Francia da quest'anno la doggy bag è diventata obbligatoria per i locali con più di 180 coperti e lo scopo è quello di cercare, anche con questa iniziativa, di  dimezzare la quantità di cibo buttato che per la ristorazione francese è pari a circa un milione di tonnellate all’anno.

Per ridurre lo spreco (di cibo e denaro) a Londra alcuni ristoranti sono passati dal menu à la carte a quello fisso. Fra questi ci sono anche le insegne di chef stellati, come l'Hibiscus a Myfair, mentre Nobu offre una bento box (la versione giapponese della schiscetta) con un calice di champagne a 38 sterline. Meno liberi di scegliere cosa mangiare, sembrerebbe a prima vista. O forse no, se vengono offerti diversi menu e non uno solo chilometrico, perché allora saremmo da capo.

È vero che alcuni ristoranti sono organizzati per la doggy bag, ma altri riconsegnano la prelibatezza da portare a casa dentro a un foglio di alluminio, poi in una busta di plastica. E se invece ci fosse dato un bel contenitore come quello della foto che vedete sopra (nato da un progetto di Comieco in collaborazione con Slow Food, coordinato da Michele De Lucchi e illustrato da Scarabottolo)? Qualcosa si sta muovendo e in questi giorno la start up Malvida, nata per la commercializzazione di scatole per l’asporto del cibo avanzato nei ristoranti o il take away, ha lanciato re FOOD, un contenitore riciclabile che consente di portare a casa il cibo avanzato al ristorante e che potrà poi essere conservato in frigo o messo direttamente nel microonde.






Per ogni contenitore re FOOD acquistato dai ristoratori una parte del ricavato viene devoluto ad Azione contro la fame. Per ora hanno aderito 7 ristoranti di Torino e provincia, 2 a Milano e provincia.

Ma siamo agli inizi, perché la doggy bag la sdoganiamo presto, vero?

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna