del

Maturità 2017: i video consigli per affrontarla

di Elena D’Incerti, insegnante

Il Miur posta sulla sua pagina facebook informazioni pratiche sulla maturità e contributi video di esperti e personaggi famosi come Cecilia Cristoforetti

Un caffè con Donna Moderna

Il Miur posta sulla sua pagina facebook informazioni pratiche sulla maturità e contributi video di esperti e personaggi famosi come Cecilia Cristoforetti

Seconda Prova Maturità 2017: soluzioni problemi quesiti di Matematica, traduzione versione di Latino e tracce svolte Scienze Umane

Valeria Fedeli e il suo staff di collaboratori quest’anno hanno deciso di rassicurare i maturandi con una serie di messaggi postati su Facebook alla pagina MIUR social. Dopo aver comunicato qualche mese fa le materie scelte per la seconda prova e aver garantito di persona che gli scritti verteranno su ciò che si è studiato nell’ultimo anno, avevano poi reso noto l’elenco degli strumenti ammessi durante lo svolgimento dei due scritti (vietatissimi i cellulari, sì agli orologi veri e no a quelli connessi a Internet, ammessi i vocabolari e le calcolatrici purché wireless).

Qualche giorno fa è stata invece inaugurata una serie di video nei quali personalità di spicco impartiranno in modo semplice pochi consigli pratici.

È cambiata dunque, con questa sterzata social media, la campagna di comunicazione rivolta a chi si appresta a congedarsi dagli studi superiori? È un tentativo di avvicinarsi ai giovani parlando uno dei loro linguaggi preferiti?

Entrambe le cose.

Nel primo dei video è apparso Luca Serianni, docente di Storia della Lingua Italiana alla Sapienza di Roma e accademico della Crusca: come non ascoltarlo?

Pochi minuti i suoi, per una manciata di consigli ispirati a quel buon senso che, a onor del vero, circola anche nella stragrande maggioranza delle classi. Invita a scegliere la modalità di scrittura che più si adatta al proprio stile, a rileggere piu volte, a curare il lessico e l’ortografia, fare attenzione a calibrare i tempi. Sei ore sembrano una maratona, ma si finisce per usarle tutte.

Ad ascoltarlo e riascoltarlo però, il suo intervento contiene qualche dritta più specifica: invita infatti ad affrontare la redazione di un articolo di giornale solo se è un tipo di scrittura con cui hanno acquisito dimestichezza (vuol dire che è il format più tecnico e rappresenta una scelta coraggiosa), suggerisce di dedicarsi all’analisi testuale solo se si conosce bene la storia letteraria del Novecento (indicazione chiara sulle tracce e su quali autori probabilmente non verranno proposti), leggere con attenzione i giornali e gli articoli di fondo (contengono utili modelli di argomentazione e suggeriscono spunti di attualità).

Nel secondo l’astronauta Samantha Cristoforetti dell’Agenzia Spaziale Europea, la prima donna italiana che ha fatto parte della missione "Futura", sintetizza con lucidità tre consigli per il prima, il durante e il dopo maturità.

Prima: motivazione. Durante: sonno e concentrazione; chi più di lei sa che le imprese impegnative richiedono anche un training psicofisico? Dopo: ricordarsi sempre che finito l’esame, da giovani adulti e non più ragazzini, ai diplomati spetterà l’onore e l’onore di migliorare il mondo che li circonda.


Naturalmente la campagna ministeriale, dal nome eloquente #no panic (: -hastag ed emoticon in vista-, non impedirà il tradizionale toto-tema delle ore che precedono le prove, né qualche notte sui libri: fanno parte della coreografia dell’esame e hanno l’ineludibile valore scaramantico che tutti quelli che l’esame l’hanno già affrontato conoscono bene e ricorderanno per anni.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna