ragazza al computer che lavora

Internet sta scomparendo? Il 38% delle pagine web non esiste più

Internet non dura per sempre: effetto del "decadimento digitale" che si verifica dai collegamenti a siti istituzionali a quelli di notizie, da Wikipedia ai social media

Nel giro di 10 anni quasi il 40% delle pagine web non sono più accessibili, un effetto “decadimento digitale” per cui grandi quantità di notizie e importanti contenuti di riferimento su Internet stanno scomparendo.

Internet limitato per i minori: come funziona

VEDI ANCHE

Internet limitato per i minori: come funziona

“Errore 404”

E’ molto probabile che molti di noi navigando online si siano imbattuti nel messaggio “errore 404“, forse cercando un vecchio forum o una notizia da un sito di informazione o di servizio. Nella maggior parte dei casi sono link cancellati o spostati, a dimostrazione che anche Internet non dura per sempre. A far emergere le informazioni è un’analisi del Pew Research Center che ha raccolto campioni di quasi un milione di pagine web dal 2013 al 2023. Il fenomeno è trasversale e si verifica in spazi online diversi, dai collegamenti sui siti istituzionali a quelli di notizie, da Wikipedia ai social media.

Cos’è il coding: la lingua universale ai tempi di internet

VEDI ANCHE

Cos’è il coding: la lingua universale ai tempi di internet

I numeri del “decadimento digitale” su Internet

Secondo il centro studi americano in dieci anni è scomparso il 38% delle pagine web, quasi quattro su 10, e non sono più disponibili persino le pagine più recenti, per esempio l’8% di quelle esistenti nel 2023. Quasi un quarto di tutti gli articoli di notizie sul web, il 23%, contiene almeno un collegamento morto anche sui siti più trafficati. Nel caso dei siti governativi statunitensi, il 21% delle pagine ha almeno un link scaduto. Inoltre, circa il 23% delle pagine di notizie include almeno un collegamento non funzionante, il 21% dei siti web governativi e il 54% delle pagine di Wikipedia include nei propri riferimenti un collegamento che non esiste più.

Messaggio Internet di pagina non trovata

Il fenomeno interessa anche i social media

La perdita di informazioni è evidente anche sui social media. Quasi un quinto di tutti i post su X erano inaccessibili pochi mesi dopo la loro pubblicazione. Nel 60% dei casi, il profilo che ha pubblicato il post è diventato privato, sospeso o cancellato del tutto dalla piattaforma. E in alcune lingue il fenomeno è più evidente, forse per effetto della censura: ad esempio oltre il 40% dei tweet scritti in turco o arabo non sono più visibili a tre mesi dalla pubblicazione. Insomma, d’ora in poi se si legge qualcosa su Internet che si vuole conservare vale la pena salvarla sul proprio computer perché potrebbe non essere più rintracciabile.

Serve un testamento anche per le password dei social

VEDI ANCHE

Serve un testamento anche per le password dei social

Perché scompaiono i contenuti su Internet?

“I motivi della scomparsa delle pagine web possono essere molteplici – spiega all’Ansa Vincenzo Cosenza, esperto di digitale -: ad esempio pagine che sono state eliminate o spostate, pagine ospitate su domini che poi non sono stati rinnovati dal proprietario, oppure link diretti a documenti che sono stati eliminati o spostati. A questo fenomeno si aggiunge quello della scomparsa dei contenuti – osserva Cosenza -. Nel passaggio dall’era del web statico all’era dei social media, i contenuti vengono creati sempre più per fotografare un momento e poi scomparire, si pensi ai video brevi e alle storie di cui non abbiamo link permanenti. Stiamo costruendo un web del presente di cui non resterà traccia nel futuro. Un web che è come un mandala che si distrugge dopo averlo creato”.

Social network, la Florida ne vieta l’uso ai minori di 17 anni

VEDI ANCHE

Social network, la Florida ne vieta l’uso ai minori di 17 anni

Riproduzione riservata