La giapponese Tokyo Electric Power Company ha iniziato a rilasciare nell’Oceano Pacifico l’acqua radioattiva trattata dall’impianto di Fukushima Daiichi, la centrale nucleare in dismissione pesantemente danneggiata dopo l’incidente del 2011. Il rilascio dell’acqua, iniziato intorno alle 13 ora locale, dovrebbe proseguire per un periodo di 17 giorni. Il primo ministro Fumio Kishida ed esperti internazionali hanno affermato che l’acqua trattata soddisfa gli standard di sicurezza.

Fukushima

Acqua da Fukushima, dura condanna della Cina

Ferma condanna della Cina, che ha definito l’operazione “egoista e irresponsabile” poiché – ha sottolineato Pechino – “l’oceano “appartiene a tutta l’umanità”. “Se il Giappone scegliesse di scaricare l’acqua nell’oceano solo per servire gli interessi egoistici del Giappone, potrebbe verificarsi un disastro secondario causato dall’uomo per la popolazione locale e per il mondo intero”, ha affermato in una nota Wang Wenbin, portavoce del ministero degli Esteri cinese.

Proteste nel centro di Tokyo

Proteste anche nella capitale giapponese. Centinaia di manifestanti si sono radunati pacificamente nel quartiere degli affari di Tokyo per dire no allo sversamento delle acque nel Pacifico. Anche se non si sono potuti avvicinare al quartier generale della TEPCO, hanno intonato slogan (“proteggete i nostri diritti”), mostrato striscioni colorati e cartelli con la scritta “Stop It”.

Fukushima

Anche la Corea del Nord dice no

Tokyo, “deve fermare immediatamente il pericoloso scarico di acqua contaminata che minaccia in modo grave la sicurezza e il futuro dell’umanità”, si legge in una nota del ministero degli Esteri della Nord Corea rilanciata dall’agenzia di stampa ufficiale Kcna.

Sversamento da Fukushima sotto controllo dell’AIEA

Quando l’acqua ha iniziato a defluire nell’oceano, erano presenti presso la centrale nucleare alcuni funzionari dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica. “Gli esperti dell’AIEA sono lì sul posto per fungere da punto di riferimento della comunità internazionale e garantire che il discarico venga effettuato come previsto, in linea con gli standard di sicurezza dell’AIEA”, ha dichiarato il direttore generale Rafael Mariano Grossi.

AIEA: “Radioattività sotto la soglia di pericolosità”

Nell’ambito del suo monitoraggio del rilascio delle acque stoccate nell’impianto nucleare di Fukushima Daiichi, la AIEA ha “prelevato questa settimana campioni dal primo lotto di acqua diluita preparata per lo scarico” e “le analisi indipendenti condotte in loco dall’AIEA hanno confermato che la concentrazione di trizio nell’acqua diluita che viene scaricata è molto inferiore” al limite di pericolosità. Lo riferisce lo stesso Grossi specificando che la concentrazione di trizio è “molto interiore al limite operativo di 1.500 becquerel per litro”.

Le garanzie della Tokyo Electric Power Company

La TEPCO “sotto la continua guida del governo giapponese, gestirà la questione con la ferma consapevolezza che siamo responsabili di prevenire danni alla reputazione” e di “non tradire la fiducia del popolo di Fukushima e del popolo giapponese per tutto il corso del periodo di dimissione”, ha dichiarato la società in una nota.