Rocco Siffredi, il porno sbarca al Festival di Venezia

07 09 2016 di Mattia Carzaniga
Credits: Olycom

Perché il pornodivo più famoso d’Italia (e non solo) ha stregato il Lido?

Rocco Siffredi è il re di Venezia 73. Ha conquistato tutti con il documentario Rocco, diretto dai registi francesi Thierry Demaizière e Alban Teurlai e presentato nella sezione super-cinefila Giornate degli Autori - Venice Days (uscirà nelle sale in autunno).

ROCCO SIFFREDI, LA STAR

Il curriculum con cui Rocco Siffredi sbarca alla Mostra del cinema di Venezia parla da solo: 1.500 i film hard girati nel corso della sua carriera, 4.000 il numero di partner collezionate. Nato come Rocco Tano (il suo nome d’arte è un omaggio a Roch Siffredi, il personaggio di Alain Delon in Borsalino), è conosciuto in tutto il mondo, corteggiato dai produttori americani più famosi, convertito anche al cinema d’autore (il titolo più celebre è Romance della francese Catherine Breillat), vincitore di innumerevoli Oscar del cinema hard (il primo 25 anni fa a Las Vegas).

Ha sempre dichiarato che il sesso per lui è un’ossessione, ma con la sincerità di chi l’ha scelto come mestiere contro il volere di tutti, dalla famiglia agli amici. Il film entra dentro i set delle sue ultime pellicole, realizzati quasi tutti nei suoi studi di produzione di Budapest, dove vive la maggior parte del tempo (sua moglie Rosa è ungherese). La cosa più divertente è vedere quanto sia “normale” la routine di un set porno, con gli stessi problemi di un film qualsiasi: scene non messe a fuoco, casting che richiedono tempo, intuizioni dell’ultimo momento che diventano scene cult.   


Credits: Getty
Rocco al Festival con i registi Thierry Demaizière e Alban Teurlai
Credits: Getty
Rocco sul red carpet di Venezia con la moglie Rosa e i figli Leonardo e Lorenzo, accompagnato dalla fidanzata Laura
Credits: Ansa
Credits: Getty
Il pornodivo Rocco Siffredi con la moglie Rózsa Tassi, ex collega, nota in Italia con lo pseudonimo di Rosa Caracciolo
Credits: Olycom
Rocco con moglie e figli presenta il programma tv Casa Siffredi
Credits: Ansa
Durante la presentazione del programma tv "Ci pensa Rocco" nel 2013
Credits: Olycom
Nel reality show Il grande fratello, 2015
Credits: Olycom
Rocco nel 2015 nel reality L'isola dei famosi
Credits: Getty
Con Massimo Boldi al Festival di Venezia del 2011
Credits: Getty
2011
Credits: Getty
2008
Credits: Olycom
2006: Rocco è il protagonista di una pubblicità con doppio senso
Credits: Ansa
In una foto di scena del film Pornocrazia
Credits: Olycom
Nel 1999 con la moglie
Foto

ROCCO SIFFREDI, L'UOMO

Il lato privato di Rocco Siffredi è quello che il documentario mette in mostra fin dal primo minuto. C’è la relazione con la moglie Rosa, compresi i periodi di crisi in cui Rocco era lontano dai set e si concedeva di nascosto a rapporti con prostitute. C’è quella con la madre, morta anni fa: Siffredi porta sempre con sé una sua fotografia. E quella con i figli oggi adolescenti, che riflettono sulla professione del padre; così come lui ha valutato negli ultimi anni se continuare con i film oppure smettere proprio per loro: ha scelto di porre la parola fine alla carriera d’attore.

«Con questo film mi metto a nudo per davvero» ha detto ai giornalisti presenti al Lido, in una Mostra che non censura più il sesso: l’inizio del film è un primo piano del sesso del protagonista sotto la doccia, ma non fa nemmeno più scandalo. Perché il racconto intimo e privato supera i presunti dibattiti. È proprio questo lato (metaforicamente) senza veli a colpire nel segno: Rocco è l’uomo di tutti i giorni, non solo la star desiderata e chiacchierata. E a Venezia ormai anche il porno è finalmente sdoganato.


IL FUTURO

Dopo l’ultimo set a luci rosse, raccontato nel finale del film, che cosa ci sarà nel futuro di Rocco Siffredi? È la domanda che si pone lui per primo. Dopo le tante campagne pubblicitarie (quella per una nota marca di patatine è diventata un cult), le ospitate in tv e soprattutto la partecipazione al reality di Canale 5 L’isola dei famosi («Un’esperienza che mi ha segnato profondamente» confessa lui), il domani di Rocco è ancora incerto.

Anche per questo il finale del documentario resta aperto. Tutti, dopo averlo visto, ci siamo chiesti: riuscirà Rocco a restare se stesso anche senza il porno? Vista la determinazione di quest’uomo, la risposta sembra scontata.

Riproduzione riservata