tribunale

Giappone, sì all’affido congiunto dei figli per i divorziati

Approvato in Giappone un emendamento che consenta alle coppie divorziate di condividere la custodia dei figli a partire dal 2026

Voto storico del parlamento giapponese che consente alle coppie divorziate, a partire dal 2026, di condividere la custodia dei figli. Fino ad oggi nel Paese del Sol Levante la custodia viene affidata a un genitore solo, generalmente la madre, condizione che impedisce all’altro genitore avere voce in capitolo sulla gestione e sulla vita dei figli. Il Giappone era l’unico paese del G7 – il gruppo informale di sette fra i Paesi più democratici e industrializzati del mondo – a non vedere riconosciuto il concetto legale di affidamento congiunto.

Giappone, matrimoni perfetti grazie all’intelligenza artificiale: la misura anti denatalità

VEDI ANCHE

Giappone, matrimoni perfetti grazie all’intelligenza artificiale: la misura anti denatalità

Affidamento dei figli: lo stato di fatto in Giappone

La maggior parte dei divorzi in Giappone avviene in modo “consensuale”: entrambe le parti firmano un documento mettendo fine reciprocamente al matrimonio. La coppia, in questi casi, è libera di decidere le modalità di custodia e visita dei figli. Ma se le due parti vanno in tribunale, il giudice assegna l’affidamento a un solo genitore. Un sistema che ha sempre sollevato le critiche dei genitori divorziati che lamentano di venire allontanati dai propri figli e del tutto esclusi dalla loro vita.

Cina, le donne stanno superando il tabù del divorzio

VEDI ANCHE

Cina, le donne stanno superando il tabù del divorzio

coppia giapponese

Cosa cambia in Giappone per le coppie divorziate

Ora, grazie al voto della camera alta del parlamento nipponico, per le coppie divorziate l’affidamento condiviso di figli e figlie diventa una possibilità: i genitori potranno cercare un accordo e scegliere tra l’affidamento congiunto o quello esclusivo. Nel caso non riuscissero a trovare un’intesa, la palla passerà al tribunale della famiglia che deciderà sulla base dei singoli casi. Se opterà per l’affidamento condiviso, entrambi i genitori si dovranno far carico delle spese relative ai figli così come saranno tenuti ad accordarsi su come gestire la loro salute e gli studi, prendendo in comune le decisioni per il bene dei minori.

Giappone, la famiglia reale debutta sui social per avvicinarsi ai giovani

VEDI ANCHE

Giappone, la famiglia reale debutta sui social per avvicinarsi ai giovani

Non tutti appoggiano la modifica: penalizza le donne abusate

In Giappone il nuovo disegno di legge sull’affidamento congiunto non piace tuttavia a tutti: secondo i difensori dei diritti femminili, le donne che hanno accusato i mariti di violenza domestica si troverebbero costrette a mantenere legami con loro. “Se si introduce il sistema di affidamento congiunto, le vittime di violenza domestica e i bambini vittime di abusi saranno sotto il controllo dei violenti e non potranno scappare”, ha dichiarato l’avvocato Harumi Okamura secondo quanto riporta la BBC.

Troppi single e poche nascite: la Corea del Sud promuove gli appuntamenti al buio

VEDI ANCHE

Troppi single e poche nascite: la Corea del Sud promuove gli appuntamenti al buio

Riproduzione riservata