zanzara

Virus West Nile, seconda vittima in Italia

Due decessi in Italia a causa del virus West Nile. Questa febbre portata dalle zanzare, in caso molto rari, può essere letale

Seconda vittima del virus West Nile in Italia. Un 86enne è deceduto a Mantova a causa da questa infezione trasmessa dalla puntura di una zanzara. L’anziano, Antonio Coppola, residente ad Acquanegra sul Chiese (Mantova), era stato colpito dal virus nei giorni scorsi. Il primo decesso da febbre del Nilo era avvenuto a fine luglio, sempre in Lombardia, a Cremona. Il primo caso umano di infezione da Wnv della stagione è stato segnalato in Emilia Romagna, nel mese di luglio, nella provincia di Parma.

La febbre del Nilo in Italia: cosa c’è da sapere

VEDI ANCHE

La febbre del Nilo in Italia: cosa c’è da sapere

L’anziano deceduto a Mantova

L’86enne deceduto a Mantova, un sottufficiale dell’Aeronautica militare in pensione, si era rivolto al pronto soccorso dell’ospedale di Asola il 26 luglio scorso ed era stato ricoverato. Le sue condizioni sono andate via via aggravandosi tanto che era stato trasferito all’ospedale Poma di Mantova dove è morto nel tardo pomeriggio di venerdì.

Zanzara tigre, perché preoccupa

VEDI ANCHE

Zanzara tigre, perché preoccupa

West Nile: ancora due casi nel Mantovano

Attualmente nel Mantovano sono stati accertati altri due casi di febbre del Nilo: il primo ha riguardato un 55enne di Marcaria che è già  stato dimesso dall’ospedale Poma; il secondo è quello di un ragazzo residente nel Lazio e in vista a parenti nel Cremonese: attualmente si trova ricoverato all’ospedale di Asola in provincia di Mantova.

febbre del Nilo

In Italia 25 casi di West Nile

Il numero di casi di West Nile nell’uomo è cresciuto nell’ultima settimana, passando da 6 a 25, come riportato dal bollettino dell’Istituto superiore di Sanità, che era stato aggiornato il 3 agosto, dunque prima della morte avvenuta a Mantova. Di questi, 15 si sono manifestati nella forma neuroinvasiva (4 Piemonte, 4 Lombardia, 7 Emilia Romagna), 6 casi identificati in donatori di sangue (1 Piemonte, 4 in Lombardia, 1 Emilia-Romagna), 4 casi di febbre (3 Lombardia, 1 Veneto). Finora sono 34 le Province con dimostrata circolazione di Wnv appartenenti a 7 Regioni: Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Puglia, Sicilia e Sardegna. Sono in corso di conferma positività  in Provincia di Treviso e Sondrio.

Zanzare, record in Italia: che malattie trasmettono e i sintomi

VEDI ANCHE

Zanzare, record in Italia: che malattie trasmettono e i sintomi

Il virus West Nile: conseguenze

Il West Nile Virus (Wnv, febbre del Nilo), trasmissibile dagli uccelli infetti all’uomo o ad altri animali attraverso la puntura di zanzara, nell’80% dei casi dà  luogo a forme asintomatiche, nel 20% causa sintomi simili a quelli influenzali (febbre, mal di testa, nausea e vomito) e in una percentuale inferiore all’1% provoca encefaliti o meningoencefaliti, con possibili febbre alta, tremori, convulsioni, fino alla paralisi e al coma. Nei casi più gravi (circa 1 su mille) il virus può causare un’encefalite letale.

Zika, la malattia trasmessa dalla zanzara tigre

VEDI ANCHE

Zika, la malattia trasmessa dalla zanzara tigre

Mezzi di prevenzione e incubazione del virus

Attualmente non esiste un vaccino per la febbre West Nile. Malgrado siano allo studio dei vaccini, per il momento l’unico strumento preventivo contro la diffusione dell’infezione è la riduzione dell’esposizione a punture di zanzare, durante il periodo favorevole alla trasmissione. Il periodo di incubazione dal momento della puntura della zanzara infetta varia fra 2 e 14 giorni, ma può essere anche di 21 giorni. La maggior parte delle persone infette non mostra alcun sintomo.

Riproduzione riservata