I tempi di una mamma e i tempi di un papà

Credits: Corbis
1 5

In media le madri italiane passano 4 ore e 45 minuti con i loro figli. Un dato che sembrerebbe del tutto naturale se non venisse confrontato con il tempo che passano i papà con i piccoli di casa: 38 minuti!* Quando arriva un bebè cambiano i tempi della famiglia, vengono rivoluzionate le abitudini... ma questo ancora oggi sembra valere quasi esclusivamente per la mamma. Basti pensare al congedo parentale: solo il 7% dei padri italiani ne usufruisce (gli svedesi il 69%, dati Istat) e questo significa che in 9 casi su 10 sono le madri a chiedere tale congedo, creando un abisso nella parità di genere, già a partire dal primo anno d'età del bambino. Ma anche successivamente la cura dei figli sembra appannaggio esclusivo delle mamme: riunioni a scuola, appuntamenti sportivi o malattie dei piccoli gravano sul tempo già compresso della madre. Per trovare tutto questo tempo da dedicare ai figli le mamme devono "togliere" ad altri ambiti: non solo al tempo libero (termine sconosciuto quando arrivano dei figli!) ma anche alla cura di sè, della casa e addirittura al sonno. Per non parlare delle relazioni sociali o del tempo per il partner da ridurre ai minimi termini.
Fortunatamente però i tempi sembrano cambiare, anche se la strada è ancora in salita: le madri dichiarano (nella maggior parte dei casi) che i loro compagni dedicano più tempo con i figli di quanto facessero i loro padri* e anche secondo i dati Istat i bambini che giocano ogni giorno con i papà sono aumentati del 5% negli ultimi 15 anni.

*Dati Sirc, centro di ricerche in analisi dei trend sociali

Continua a leggere

/5

I padri italiani passano ancora troppo poco tempo con i figli. Ma qualcosa sta cambiando

Mamme e lavoro è un binomio davvero esplosivo... ma cosa si può fare per conciliare i tempi lavorativi con quelli di cura della famiglia?

Il diverso ruolo dei genitori è ben evidenziato da  una recente ricerca condotta da Ipsos e commissionata da Direzione  Ricerche Ferrero International: secondo i dati raccolti, il ruolo di madre diventa per le donne il cardine della loro identità e il centro emotivo della loro vita: investono tutto il loro tempo non solo per educare ed accudire i figli, ma anche per intrattenerli,  giocare con loro, renderli felici... a costo di sacrificare se stesse e  rendere ancora più complicate le loro giornate.
E gli uomini?  Sembrano assecondare questo retaggio: vivono come naturale che sia la  donna ad occuparsi dei figli e della gestione della famiglia.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te