Adolescente al cellulare di notte

Allarme in Francia per l’app walkie-talkie che spopola tra gli adolescenti

Si chiama Ten Ten e trasforma lo smartphone in un walkie-talkie. Preoccupati genitori, educatori e persino il governo

Adolescenti francesi letteralmente impazziti per la app Ten Ten. Si scarica su Android e iOS e trasforma lo smartphone in un walkie-talkie, destando la preoccupazione di molte famiglie.

Gen Z, il primo appuntamento è sulle app di dating: 4 su 10 non hanno esperienze precedenti

VEDI ANCHE

Gen Z, il primo appuntamento è sulle app di dating: 4 su 10 non hanno esperienze precedenti

Che cos’è e come funziona Ten Ten

Ten Ten consente di parlare a qualsiasi altro utente della app attraverso l’altoparlante del telefono ricevente, in ogni momento, come se i due cellulari fossero dei walkie-talkie. Anche se il dispositivo è bloccato.

“Canta, grida, sussurra… i tuoi amici di ascolteranno in tempo reale, anche quando il loro cellulare è bloccato!” promette Ten Ten, che si scarica su iPhone e apparecchi Android nella categoria “social network”.

WhatsApp, in arrivo una nuova funzione: potrai modificare le foto con l’IA

VEDI ANCHE

WhatsApp, in arrivo una nuova funzione: potrai modificare le foto con l’IA

Funzione di walkie-talkie: dubbi sulla sicurezza

L’app ha trovato terreno fertile tra gli adolescenti (un milione di giovanissimi l’ha già scaricata), attratti dalla novità e dalla facilità di comunicazione. La funzione di walkie-talkie ha creato un nuovo modo di interazione sociale. Tuttavia, l‘assenza di un controllo effettivo dell’età degli utenti e la raccomandazione di un consenso genitoriale solo formale, senza verifiche concrete, hanno sollevato molti dubbi sulla sicurezza e l’adeguatezza dell’app per un pubblico minorenne.

Ten Ten sta infatti suscitando non poche perplessità tra genitori, educatori e persino in seno al governo. La principale fonte di ansia è la possibilità che l’app funzioni in background, accedendo al microfono e alle notifiche, e che possa squillare in qualsiasi momento, disturbando gli utenti di giorno e notte.

Adolescente al cellulare

“Cresce il rischio di molestie online”

Per il ministero dell’Interno transalpino questa attività del tutto inedita “aumenta il rischio di molestie on line e di violazione della privacy“. Ulteriore fonte di preoccupazione è il fatto che “l’applicazione rileva automaticamente l’indirizzo IP, la localizzazione e altre informazioni sensibili“. Inoltre, la possibilità di accedere con l’account TikTok, oltre a quello Google, amplifica le preoccupazioni relative alla sicurezza dei dati degli utenti più giovani. Proprio per questo il ministero ha suggerito che potrebbero essere necessari interventi normativi per correggere tali comportamenti.

L’allarme degli 007 Usa: “Spegnete lo smartphone una volta a settimana”. I motivi

VEDI ANCHE

L’allarme degli 007 Usa: “Spegnete lo smartphone una volta a settimana”. I motivi

Come proteggersi dall’app walkie-talkie

Per mitigare i rischi connessi all’utilizzo dell’app, in attesa di eventuali provvedimenti governativi, gli esperti suggeriscono di non condividere il proprio codice di identificazione, che impedisce di essere contattati da sconosciuti. Altri consigliano di mantenere il telefono in modalità silenziosa o di utilizzare la funzione “non disturbare” per evitare interruzioni indesiderate. Inoltre, è possibile effettuare il logout dall’applicazione per non ricevere messaggi.

Allarme deepfake e deepnude anche tra gli studenti

VEDI ANCHE

Allarme deepfake e deepnude anche tra gli studenti

Riproduzione riservata