A chi lasciare i figli quando mamma e papà lavorano?

Credits: Olycom
1 6

Quando entrambi i genitori lavorano, soprattutto se a tempo pieno, decidere a chi affidare i bambini non è facile. Inoltre non tutte le famiglie possono scegliere liberamente tra nonni, baby sitter o asilo nido.
In generale, in Italia si tende ad affidare i bambini ai nonni, sia per necessità che per tradizione culturale. Da un recente studio (With Strings attached: grandparents provided child care a cura delle ricercatrici Eva Garcia-Moràn e Zoe Kuehn) è emerso che ben il 37% delle famiglie con figli fino a 14 anni si affida giornalmente alle cure dei nonni. Nel resto d'Europa il dato è molto più basso: il 15% in Germania e addirittura il 2% in Svezia. Mentre i genitori che fanno ricorso alle cure dei nonni-sitter una volta alla settimana è il 45% (30% in Francia e 20% in Svezia). Le motivazioni di questa scelta non sono da ricercare solo nella tradizione familiare italiana, ma anche nella difficoltà di conciliare i servizi per la prima infanzia con gli orari di lavoro a tempo pieno e ai costi di asilo nido e baby-sitter che scoraggiano molte mamme che si riaffacciano al mondo del lavoro dopo la maternità. Infatti le donne che non lavorano più a distanza di due anni dal parto sono sempre più numerose: il 22,3%!

Continua a leggere...

/5

Non è facile decidere tra baby sitter, nonni e asilo nido e spesso un'unica soluzione non basta

Cosa può essere veramente d'aiuto alle mamme che tornano a lavorare dopo la maternità? Congedi parentali più lunghi o flessibilità nell'orario di lavoro? Un confronto europeo ci suggerisce alcune ipotesi...

Secondo un recente sondaggio le mamme passano quasi 5 ore al giorno con i figli. Contro appena 38 minuti dei papà. Un divario che non aiuta un'armoniosa gestione dei tempi familiari. Anche se qualcosa sta cambiando...

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te