Come schiarire i capelli: le tecniche e i metodi naturali

Come schiarire i capelli: le tecniche e i metodi naturali

Non solo tinture chimiche e prodotti per la decolorazione: per schiarire i capelli ci sono altre tecniche naturali fai da te da provare in casa

La primavera sta arrivando e il sole richiama i nostri capelli finalmente al vento. Non vedevamo l’ora di toglierci i cappelli per farli respirare e adesso magari il nostro sogno è vedere i nostri capelli più chiari. Ma se non vogliamo rovinarli ricorrendo a tinture troppo aggressive, esistono dei metodi per farli risplendere alla luce del sole senza prenotare un appuntamento dal parrucchiere. Oggigiorno esistono diverse modalità per schiarire i capelli, sia in modo ‘artificiale’ sia in modo naturale. Avere dei riflessi più chiari è un desiderio di molte persone che però, nel contempo, non vogliono rovinare il cuoio capelluto o spendere una fortuna dal parrucchiere. Niente paura: ad oggi si contano decine di prodotti naturali in grado di schiarire i capelli e ci sono anche numerose tecniche fai da te.

Capelli biondi con radici scure: quando la ricrescita fa tendenza

VEDI ANCHE

Capelli biondi con radici scure: quando la ricrescita fa tendenza

Schiarire i capelli

capelli chiari per molte persone sono una forte attrattiva, specialmente considerando che nella maggior parte dei casi donano luminosità al viso. Tuttavia decolorare i capelli con prodotti chimici può essere abbastanza dannoso per quest’ultimi, specialmente per chi ha una chioma sottile. In commercio esistono tanti prodotti chimici e tinture appositamente pensate per schiarire i capelli. Ma l’utilizzo prolungato di questi prodotti potrebbe danneggiare il cuoio capelluto e rendere le chiome secche e opache.

Per questo motivo, vi proponiamo alcuni metodi naturali che potete provare in casa per schiarire i capelli. Una premessa però è d’obbligo: schiarire i capelli con i prodotti naturali non garantisce un’efficacia pari alle tinture chimiche. Il risultato dipende molto dal colore di base dei capelli. Più i capelli sono scuri, più la decolorazione è difficile. Sui capelli chiari, il prodotto naturale riesce ad agire con più incisività.

Come schiarire i capelli gradualmente

Per chi ha i capelli scuri può essere preferibile passare in modo progressivo ad un colore di capelli più chiaro, piuttosto che ritrovarsi improvvisamente bionde. Per questo esistono numerosi trattamenti efficaci sia da fare presso esperti che a casa con rimedi del tutto naturali. Inoltre schiarire i capelli è anche un trucco per mascherare il colore diverso della ricrescita, facendo schiaritura tono su tono. Il risultato è migliore se alle radici il colore rimane più scuro. Mentre sulle lunghezze si può giocare con sfumature più chiare di due o tre nuance. Ecco allora come provare a schiarire gradualmente i capelli.

Maschera per capelli: tante ricette per chiome perfette

VEDI ANCHE

Maschera per capelli: tante ricette per chiome perfette

Occorrente

  • Shampoo
  • Balsamo
  • Aceto
  • Maschera nutriente
  • Camomilla setacciata
  • Henne in polvere
  • Cannella
  • Limone
  • Cedro
  • Pennello
  • Pettine
  • Asciugamano
  • Miele

Consultare il parrucchiere

Per poter schiarire gradualmente i propri capelli si può ovviamente consultare il proprio parrucchiere di fiducia, che non mancherà di consigliare specifici trattamenti (come shatush, bayalage o colpi di sole) con i quali poter donare riflessi biondi o ramati anche alle chiome scure. Tuttavia, sebbene i trattamenti decoloranti siano sempre più raffinati e tali da non rovinare troppo i capelli. Esiste anche la possibilità di optare per uno schiarimento progressivo e graduale senza dover ricorrere all’aiuto di un esperto. In tal caso, alcuni prodotti naturali possono esser d’aiuto nell’ottenere questo effetto. Si avrà così l’occasione di risparmiare e non sottoporsi a trattamenti estetici comunque invasivi per il cuoio capelluto.

Utilizzare la camomilla

Un metodo per schiarire gradualmente i capelli è quello di utilizzare la camomilla. Questo prodotto naturale, ad esempio, può essere usato come shampoo estivo per dare riflessi ai capelli già esposti al sole. Chi ha i capelli chiari, può esaltare e illuminare i riflessi biondi con un semplice risciacquo con questo prodotto tutto naturale. Secca o fresca la camomilla è comunque efficace. L’infuso si prepara con un pugno di fiori e mezzo litro d’acqua. Dopodiché si fa bollire la miscela a fiamma bassa per circa trenta minuti. Prima di applicarla sui capelli si fa uno shampoo e dopo si versa il preparato sui capelli umidi.

Utilizzare l’henné

Un altro sistema per schiarire gradualmente i capelli è quello di utilizzare l’henné. Una tintura naturale di origine vegetale, il cui uso cosmetico si dice risalga addirittura alla regina Nefertiti, che lo usava per i suoi capelli lunghissimi. Per ottenere lo schiarente, occorre mescolare circa mezza tazza di henné con acqua bollente, fino a che si ottiene un composto senza grumi. Dopodiché, va aggiunto qualche goccia di limone e va fatto raffreddare. Dopo aver lavato i capelli, si applica la crema da giorno lungo l’attaccatura dei capelli. Con le mani protette da guanti si spalma l’henné ancora tiepido sui capelli puliti e umidi. Poi si stende il prodotto su tutta la chioma, aiutandosi con un pettine. Infine, si lasciano i capelli in posa dai trenta minuti a un’ora, a seconda della tonalità che si vuole ottenere.

Utilizzate il succo di limone

Per concludere, il succo di limone può rivelarsi d’aiuto in tal senso: grazie alla sua acidità, questo agrume permette di ottenere un tono più chiaro. Tuttavia, è preferibile non abusarne poiché rischia di rendere i capelli troppo secchi e poco idratati. In alternativa, si può adoperare avendo cura di usare prodotti che rinforzino la chioma, come balsamo o maschera idratante.

Come schiarire i capelli con curcuma e miele

Una delle tecniche naturali più utilizzate per schiarire i capelli è quella di applicare sul cuoio capelluto un impacco di curcuma e miele

Le proprietà della curcuma

La polvere di curcuma contiene sali minerali, potassio, vitamina C e curcumina, efficace per il trattamento del cuoio capelluto e attiva come riflessante sulle fibre capillari. Sulla cute svolge un’azione decongestionante e risulta utile per contrastare la caduta dei capelli e stimolarne la ricrescita. Svolge anche un’azione purificante che, in caso di forfora, calma il prurito e lenisce le irritazioni. Inoltre, ha un’azione illuminante, offrendo una speciale luminosità ai capelli.

Le proprietà del miele

Il miele, definito non a caso il “nettare degli dei”, ha caratteristiche lenitive, nutrienti e antibatteriche. Agisce direttamente sui capelli, nutrendoli e purificandoli. Svolge anch’esso un’azione purificante, eliminando le cellule morte dalla cute. È efficace per prevenire la forfora e alleviare il fastidioso prurito che questa genera. Idrata i capelli in profondità grazie alle vitamine e ai minerali di cui è composto.

Trattamento

La curcuma può far virare la colorazione sulle tonalità dell’arancione, quindi fate attenzione al dosaggio e valutate se sia il caso di utilizzare questo ingrediente nel caso abbiate i capelli chiari.

Diluite un cucchiaino di curcuma in una tazza d’acqua bollente. Una volta raffreddato, utilizzate il miscuglio come shampoo e sciacquate i capelli.

Dopo il risciacquo, applicate un balsamo miscelandolo con 3 cucchiai di miele di acacia o millefiori, e lasciatelo in posa per 30/40 minuti. Infine, procedete all’ultimo lavaggio.

Balsamo liquido istantaneo: addio tempi di posa

VEDI ANCHE

Balsamo liquido istantaneo: addio tempi di posa

Come schiarire i capelli con lo zenzero

Schiarire i capelli con lo zenzero è possibile: si tratta di una sostanza facilmente reperibile sia nelle erboristerie (in polvere) che nei supermercati (intero), seguendo delle linee guida ben precise. 

Occorrente

  • Zenzero 200 gr.
  • Rabarbaro 200 gr.
  • Succo di limone 50 ml.
  • Ammoniaca 50 ml.
  • Camomilla 3 bustine

Centrifugare lo zenzero in un mixer

Cambiare decisamente il look del nostro viso grazie allo schiarimento dei capelli utilizzando alcuni prodotti naturali come lo zenzero, è sicuramente l’opzione migliore per non danneggiare la cute. Inoltre l’uso della suddetta spezia è ideale anche per massimizzare il risultato gradualmente, in modo che i nostri amici non si accorgano del cambiamento di colore dei capelli. Premesso ciò, per prima cosa ci rechiamo in un’erboristeria ed acquistiamo dello zenzero e delle radici di rabarbaro. Giunti a casa, entrambi li mettiamo in un mixer, aggiungendo anche alcune gocce di limone che in questo caso funge da catalizzatore delle due spezie centrifugate.

Spalmare lo zenzero sui capelli

A questo punto, il composto lo preleviamo con un cucchiaio di legno e lo riponiamo poi in una ciotola di plastica, dopodiché lo utilizziamo con le mani, spalmandolo su tutti i capelli come facciamo generalmente sul viso per applicare una maschera. Lasciando in posa il composto per circa 15 minuti otteniamo uno schiarimento parziale dei capelli, mentre se optiamo per il doppio del tempo, possiamo ritrovarceli con una tonalità chiara e decisamente più netta.

Premesso ciò e indipendentemente dal scelta, non ci resta che provvedere al risciacquo, e poi procedere con un regolare shampoo (preferibilmente neutro), asciugando definitivamente i capelli con un telo di spugna (senza strofinare) e successivamente con il phon. A questo punto si noterà il cambio di tonalità che le prossime volte possiamo rendere ancora più evidenti, nel caso l’operazione non ci abbia soddisfatte in pieno.

Le tinture naturali per capelli bianchi

VEDI ANCHE

Le tinture naturali per capelli bianchi

Miscelare lo zenzero con l’ammoniaca

A questo punto della guida è importante aggiungere che se intendiamo schiarire subito i capelli e renderli uniformi quindi senza l’effetto colpo di sole, allora è necessario acquistare in un negozio specializzato che vende prodotti specifici dell’ammoniaca. Quest’ultima è una sostanza che va diluita al 30% e poi aggregata al composto a base di zenzero e rabarbaro preparato in precedenza. Premesso ciò, è altresì importante sottolineare che la miscela diventa a tutti gli effetti una vera e propria tintura che tuttavia escluso l’aggressività della sostanza catalizzatrice appena citata, rimane naturale e quindi non stressa più di tanto i nostri capelli.

Aggiungere la camomilla allo zenzero

A margine di questa guida proprio in riferimento a quanto descritto nel passo precedente, è importante aggiungere che se vogliamo evitare del tutto l’ammoniaca, possiamo farlo sostituendola con un’altra sostanza decisamente naturale. Nello specifico è sufficiente preparare in un bollitore da 500 ml. Una camomilla piuttosto densa, ossia inserendovi almeno 3 bustine solubili. Una volta pronta, basta seguire la procedura precedente e cioè diluire la camomilla con il centrifugato a base di zenzero (con o senza rabarbaro) e poi applicarlo sui capelli regolandoci in termini di tempo per la posa.

Come schiarire i capelli con metodi naturali

Una delle principali preoccupazioni di chi vuole schiarire i propri capelli è quella di rovinarli. Per evitare di arrecare danni al cuoio capelluto è consigliabile affidarsi quindi a dei metodi naturali. Oltre al metodo curcuma e miele ne esistono tanti altri: scopriamo quali.

Sole e mare

Il metodo più naturale in assoluto? Consiste nell’affidarsi all’estate e al caldo. Sole, mare e salsedine sono da sempre gli alleati perfetti per una schiaritura naturale dei capelli: si verrà a creare inoltre un effetto molto omogeneo.

Prodotti naturali per schiarire i capelli: la camomilla

Così come il sole, il mare e la salsedine, esistono ulteriori prodotti naturali particolarmente validi per la schiaritura dei capelli. Alcuni vantano una grande notorietà, come per esempio il miele e la curcuma di cui vi abbiamo già parlato, ma anche il limone e la camomilla. Si tratta di sostanze che, oltre alle numerose proprietà benefiche, vantano un grande effetto schiarente. Gli impacchi di camomilla sono senza dubbio una delle soluzioni migliori per schiarire i capelli in modo naturale.

Questo è probabilmente il rimedio più vecchio del mondo per schiarire i capelli, e a quanto pare funziona. Il procedimento è davvero semplice in quanto consiste in un impacco costituito da fiori di camomilla essiccati e acqua bollente. Al termine della preparazione è necessario far raffreddare il composto e applicarlo solo dopo lo shampoo e il balsamo. Infine, bisogna lasciarli asciugare al naturale. Dopo qualche applicazione si vedranno dei riflessi biondi da lasciare a bocca aperta.

capelli biondi

Prodotti naturali: il limone

Uno degli schiarenti più diffusi e apprezzati al mondo è il limone. Questo prodotto va semplicemente spremuto e diluito nell’acqua, dopodiché deve essere cosparso sui capelli per il tempo che si vuole, in base al risultato che si desidera ottenere.

Prodotti naturali: il miele

Sebbene molte persone siano scettiche riguardo questa opzione, il miele è una delle sostanze più utili per schiarire i capelli. Mediante degli impacchi e delle maschere al miele, è possibile ottenere delle schiariture molto naturali. Il miele, infatti, meglio ancora se unito al limone, forma una maschera schiarente, da applicare prima di lavare i capelli. Mescolare due cucchiaini di balsamo, tre di miele d’acacia e uno di limone, per ottenere una crema da lasciare in posa per 40-50 minuti. Dopo basta lavare via tutto con un normale shampoo ed entro poche applicazioni qualche riflesso biondo inizierà già a vedersi.

Prodotti naturali per schiarire i capelli: la cannella

Questa spezia, mescolata con un po’ di balsamo, diventa una maschera miracolosa che renderà i capelli più radiosi. Cospargere il composto in tutta la testa e lasciar agire le proprietà della cannella tutta la notte. La mattina si possono lavare i capelli come al solito, e in meno di un mese si potranno vedere i primi risultati, soprattutto se si hanno i capelli scuri. Non effettuare questo trattamento più di una volta alla settimana.

Cannella: la spezia dal gusto inconfondibile e dalle tante proprietà benefiche

VEDI ANCHE

Cannella: la spezia dal gusto inconfondibile e dalle tante proprietà benefiche

Prodotti naturali: la birra chiara

Ecco un buon metodo che sfrutta ciò che rimane in frigo. La birra può donare dei riflessi color miele, e anche in questo caso si deve applicare prima dello shampoo. Bisogna solo lasciar sgasare una lattina di birra chiara, rovesciarla in un contenitore abbastanza grande e immergerci in capelli per cinque minuti. Poi avvolgerli dolcemente in un asciugamano e lasciar riposare per un’ora. Infine procedere con il normale lavaggio e dopo qualche trattamento si potranno vedere i risultati sperati.

Come schiarire le punte dei capelli

Per avere una capigliatura che sia sempre lucente e vitale, è necessario seguire specifici accorgimenti sul taglio o sul colore. Un vero e proprio must contemporaneo, famoso anche tra le dive americane e italiane, è rappresentato dalle ombreggiature più chiare che si possono costruire sulle punte. Questa moda è in grado di donare riflessi dorati, color rosa, oppure porpora.

Davvero il meglio che ogni donna possa chiedere. Inoltre, per prendersi cura di una tale capigliatura, occorrerà fare ben poco, perché la novità riguarda solo l’estremità e non necessita di ritocchi alla radice. La conseguenza più negativa però, è che spesso, per schiarire le punte, si ricorre a prodotti che contengono perossido d’ossigeno, il quale danneggia la cheratina, determinando la formazione delle doppie punte. Ecco quindi alcune indicazioni su come schiarire le punte dei capelli, ricorrendo esclusivamente a rimedi di tipo naturale.

Occorrente

  • 1 cucchiaio di miele liquido
  • 6 cucchiai di acqua distillata
  • 1/2 cucchiaio d’olio d’oliva
  • 1 cucchiaino di cannella o zenzero
  • 100 g di fiori di camomilla
  • Succo di limone
  • 100 g di curry

Preparare un infuso a base di camomilla

Molte donne hanno spesso pensato di sperimentare un differente colore di capelli, pur senza avere veramente la voglia di fare tinte o effettuare cambiamenti troppo rivoluzionari. In questi casi, la soluzione migliore è proprio quella di praticare un intervento poco invasivo, rappresentato appunto dal ravvivamento dei riflessi naturali, iniziando a schiarire i propri capelli solo sulle punte.

Uno dei metodi più efficaci e naturali per schiarire le punte dei capelli è rappresentato dalla possibilità di preparare un prodotto a base di camomilla. Acquistate in erboristeria dei fiori di camomilla e metteteli in infusione per 15-20 minuti. Dopo aver fatto raffreddare il prodotto, spruzzate sulle punte dei capelli ancora bagnati, dopo aver effettuato uno shampoo. L’effetto schiarente sarà davvero immediatamente evidente.

5 nuovi tagli di capelli corti da conoscere nel 2024

VEDI ANCHE

5 nuovi tagli di capelli corti da conoscere nel 2024

Realizzare un impacco misto

Ma per schiarire le punte dei capelli, esistono anche altre possibilità. Preparate un impacco unendo una noce di burro di karité e un cucchiaio di miele ad un infuso di camomilla: sarà nutriente per la vostra chioma. Aggiungete poi del succo di limone, un cucchiaio di olio di germe di grano e il curry se volete rinforzare ulteriormente. Per una crema che nutre e schiarisce allo stesso tempo, addizionate semi di lino, camomilla o limone, ad un balsamo a vostra scelta. In erboristeria inoltre, trovate un colorante chiamato henné, disponibile in varie sfumature da applicare con l’aggiunta di sostanze acide come il limone.

Utilizzare acqua distillata e miele liquido

In alternativa è possibile proporre il metodo chiamato “schiaritura inglese”. Non è aggressivo e agisce sfruttando il perossido d’ossigeno, scaturito dalla miscela. La formula che non può subire variazioni consiste nell’unire acqua distillata, miele liquido e olio d’oliva a cannella o zenzero. Applicate dopo due ore dalla preparazione, vi darà riflessi sempre più chiari evitando l’azione aggressiva dell’acqua ossigenata.

Schiarire i capelli con il balayage

Pur non essendo una tecnica naturale, schiarire i capelli con il balayage garantisce un effetto naturale e delicato, perfetto per dare nuova luce alla chioma.

schiariture capelli

Cos’è il balayage

Nato in Francia negli anni Settanta, il balayage ha trovato il suo successo negli Usa, per poi ritornare con un gran seguito anche nel Vecchio Continente. Si tratta di una tecnica di schiaritura amatissima, che non passa mai di moda. È elegante e delicata, ancora gettonatissima nei saloni. Il segreto? I riflessi sfumati, quasi baciati dal sole, e quel suo tocco di naturalezza, che rendono il balayage amato dalle donne di tutte le età.

Il balayage biondo resta il più conosciuto, ma ti sbagli se pensi che devi per forza imbiondire i tuoi capelli. La tecnica, infatti, è versatile, si può personalizzare molto bene e si adatta perfettamente alla tua tonalità naturale. Quindi, prova le sfumature rosse o castane, quelle color caramello o miele. Anche se sei bruna, il balayage può irradiare la tua chioma. Si tratta di una modalità di schiaritura a mano libera. Per realizzarla, è necessario decolorare i capelli di una o due gradazioni rispetto al colore naturale. La tua chioma apparirà più lucente e luminosa, donando all’acconciatura un effetto sfumato, naturale e omogeneo, senza stacchi netti.

Come si esegue il balayage

Per un risultato che sia veramente mozzafiato, è bene affidarsi ai migliori hairstylist. Per eseguire la tecnica, i capelli devono essere divisi in grandi ciocche, quasi formando le punte di una stella, poi si procede con la decolorazione su alcune zone. Naturalmente resta fondamentale l’armonia delle sfumature, dando vita a un gioco sinuoso di luci e ombre

La nuova linea per la cura dei capelli firmata Beyoncé

VEDI ANCHE

La nuova linea per la cura dei capelli firmata Beyoncé

La moda delle star

Insomma, è la tendenza del momento e anche le vip non possono farne a meno. Silvia Toffanin, per esempio, ha usato il balayage per schiarire i suoi capelli castani. Il chiaro appare ben bilanciato dallo scuro: e così ecco che il castano delle radici si trasforma gradualmente nel biondo freddo delle punte. Le due tonalità si fondono in maniera omogenea, equilibrata e naturale. 

Le differenze con lo shatush

All’apparenza tra balayage e shatush non vi sarebbe alcuna differenza. In entrambi i casi, infatti, si schiariscono i capelli conferendo alla chioma un aspetto naturale. La procedura però non è la stessa. Se lo shatush prevede solo la decolorazione, con il balayage è possibile prima decolorare e poi colorare. In questo caso, inoltre, la tinta riguarda l’intera chioma. Con lo shatush, invece, sono coinvolte solo le punte. Diversa anche l’applicazione: nel primo caso si dividono i capelli in ciocche e poi si passa il colore, mentre nel secondo caso le ciocche vanno prima cotonate e poi si applica il decolorante.

Le differenze con i colpi di sole

Per schiarire e illuminare i tuoi capelli puoi optare anche per i colpi di sole, ma perché sono diversi dal balayage? In quest’ultimo caso, applicando il decolorante a mano libera, si ottiene un effetto più movimentato. La modalità e il risultato sono diversi quando si parla di colpi di sole (o highlights). In tal caso, infatti, il colore deve essere applicato in modo netto su ciocche precise, più o meno ampie. La posa del prodotto sui capelli deve poi avvenire all’interno delle cartine di alluminio. Così facendo, il decolorante evita di toccare zone della chioma che non si vogliono schiarire.

Riproduzione riservata