signora con le rughe mentre si spalma la crema

Pelle raggrinzita? I consigli e le soluzioni dei dermatologi

Gli esperti sottolineano che non esiste una cura miracolosa, ma combinando misure preventive e correttive si possono ottenere ottimi risultati

La pelle raggrinzita rappresenta uno dei segni più complessi e difficili da prevenire dell’invecchiamento cutaneo. Questo fenomeno, caratterizzato da una pelle sottile, flaccida e cadente, può manifestarsi in varie parti del corpo, compreso il viso, le braccia e le cosce. La sua prevenzione, spiegano i dermatologi, è particolarmente difficile a causa delle numerose cause e della diffusione su diverse aree corporee.

Le cause della pelle raggrinzita

Uno dei principali fattori che accelerano la formazione della cute raggrinzita, secondo gli esperti, è l’eccessiva esposizione al sole. Il danno solare contribuisce significativamente alla perdita di fermezza dell’epidermide. Un altro elemento cruciale è la perdita di peso. Quando si verifica una significativa riduzione del grasso corporeo, la cute raggrinzita diventa più evidente. Inoltre, l’uso cronico di farmaci steroidei può aggravare la condizione. Per le donne un periodo a rischio è quello della menopausa, quando la diminuzione degli ormoni porta alla secchezza della cute e alla formazione di crepe, prevalentemente su braccia e cosce.

Make up effetto Glass Skin: pelle traslucida con i prodotti giusti

VEDI ANCHE

Make up effetto Glass Skin: pelle traslucida con i prodotti giusti

Come si presenta la pelle raggrinzita

L’epidermide raggrinzita è facilmente riconoscibile per il suo aspetto sottile e flaccido. Questa condizione rende la cute meno carnosa e più simile alla sottigliezza di un pezzo di carta o di una crêpe. La disgregazione del collagene e dell’elastina porta alla formazione di pieghe esagerate nel tempo.

Chi è maggiormente colpito?

Tutti possono essere soggetti alla pelle raggrinzita, ma alcune persone sono più vulnerabili. Gli individui con pelle chiara, più sensibili ai danni del sole, sono maggiormente a rischio. Al contrario, persone di etnie come latini, afroamericani e asiatici, che tendono ad avere una pelle più spessa, potrebbero sperimentare la pelle raggrinzita più tardi nella vita.

Mango, i benefici per la pelle e per i capelli

VEDI ANCHE

Mango, i benefici per la pelle e per i capelli

Carenze nutrizionali e pelle raggrinzita

Un’altra causa della formazione della pelle raggrinzita è la carenza di vitamina E, un potente antiossidante. Questa vitamina protegge la cute dallo stress ossidativo e dai danni dei raggi UV. Integrare la dieta con adeguate quantità di vitamina E può sostenere la salute della pelle e ridurre i segni dell’invecchiamento cutaneo.

Come intervenire

Ciò che è importante chiarire è che non esistono interventi miracolosi, invasivi o meno, per eliminare la pelle raggrinzita. L’unica cosa che è possibile fare è combinare misure preventive e correttive. Prodotti contenenti retinoidi, acido ialuronico e peptidi possono aumentare la produzione di collagene e migliorare l’elasticità della cute. La protezione solare è fondamentale per prevenire ulteriori danni. Ci sono poi trattamenti professionali che offrono soluzioni più avanzate, come gli innesti di grasso e laser. Infine, uno stile di vita sano, con una dieta ricca di antiossidanti, esercizio fisico regolare e adeguata idratazione, è essenziale per mantenere la cute in condizioni ottimali. Combinando queste strategie, è possibile migliorare significativamente l’aspetto dell’epidermide e contrastare i segni dell’invecchiamento.

Il segreto di Victoria Beckham per mantenere la pelle giovane

VEDI ANCHE

Il segreto di Victoria Beckham per mantenere la pelle giovane

Riproduzione riservata