Coulotte de cheval

Cosa sono le coulotte de cheval e quali esercizi fare per ridurle

Cosa sono le culotte de cheval, perché compaiono e come ridurle con gli esercizi e i workout

Le cosidette "coulotte de cheval" sono concretamente dei depositi di grasso che si localizzano ai lati dei fianchi, le cui cause fanno capo a svariati fattori.

In questo articolo andiamo a capire bene cosa sono ele coulotte de cheval, quali sono le cause della loro comparsi e quali esercizi specifici e quali tipologie di workout possiamo eseguire per ridurle.

Cosa sono le culotte de cheval 

Il grasso localizzato sui fianchi interessa molte donne. Eliminare le culotte non è una cosa impossibile. Con gli esercizi giusti, costanza e semplici abitudine da adottare in modo quotidiano, potrai ottenere ottimi risultati.

le coulotte de cheval sono un vero e proprio rigonfiamento che si forma nella zona tra la coscia e il gluteo: si tratta semplicemente di un accumulo di grasso, accompagnato da cellulite e ritenzione idrica

Quali sono le cause che portano alla comparsa delle culotte de cheval 

A soffrire di questo inestetismo non sono solo le donne in sovrappeso, ma anche quelle magre. Le culotte de cheval non dipendono solo dal peso o dalla forma fisica, ma anche da altri fattori.  

Alcune tra le cause più comune che portano alla formazione di questo cuscinetto ai lati dei fianchi sono:

  • Cattiva circolazione

Quando la circolazione è lenta, nelle zone maggiormente interessante si verifica un ristagno dei liquidi che provoca rigonfiamenti tra gli spazi nelle cellule.

  • Sovrappeso

Un eccesso di peso aumenta gli accumuli di grasso e rigonfiamenti in tutto il corpo.

Stare seduti o in piedi nella stessa posizione per lunghi periodi di tempo fa si che i liquidi si raccolgono e si ristagnano prettamente negli arti inferiori. Restare inattivi anche nelle ore libere, porta il corpo ad avere maggiori problematiche a carico circolatorio e linfatico. 

  • Alimentazione sbagliata

Il modo in cui mangi ha un notevole influsso sui tuoi fianchi larghi. Una dieta sbagliata e disordinata con cibi poveri di sostanze nutritive, ricchi di grassi, sale, zuccheri e conservanti non fa altro che incrementare il problema. Un fattore importante per ridurre questo inestetismo è incrementare l’apporto di cibi ricchi di potassio e ridurre al minimo il sodio. Dare la priorità a cibi freschi, crudi, magri e nutrienti. 

  • Posture scorrette

Avere posture scorrette crea tensioni al sistema circolatorio. Chi resta spesso con il peso del corpo maggiormente su una gamba piuttosto che l'altra, incrementa l'aumento della culotte sulla coscia in questione.

  • Muscoli poco allenati

La mancanza di un buon tono muscolare nella zona dei glutei e dei fianchi, fa si che questi muscoli cedano, accentuando così il rigonfiamento e il cedimento nella parte superiore esterna della coscia. Rafforzando i muscoli si andrà a ridurre e contenere il cedimento muscolare. 

  • Stress

Lo stress può interferire sulla digestione, circolazione, respirazione e l'eliminazione delle scorie. Inoltre influisce in modo negativo sulle ghiandole endocrine, che hanno il compito di regolare l’equilibrio idrico del corpo. 

  • Uso e abuso di diete dimagranti sbagliate

Sottoporre i tessuti a variazioni di volume con diete sbagliate che portano il corpo a prendere e perdere peso in modo continuo senza controllo, intensificano il cedimento della pelle e dei muscoli, rendendo più visibile i rigonfiamenti e la cellulite. 

  • Poca idratazione

Bere acqua, idrata, purifica e depura il corpo. L’acqua aiuta a mantenere in equilibrio l'intero sistema cellulare.  Ecco perché è importante bere ogni giorno almeno 10 bicchieri di acqua o 2 litri. 

Cardio, pesi o pilates? Come capire quale allenamento è meglio per te

VEDI ANCHE

Cardio, pesi o pilates? Come capire quale allenamento è meglio per te

Cosa fare per ridurre e  prevenire la formazione delle culotte de cheval

Per gestire e ridurre al meglio questo inestetismo bisogna impegnarsi ad adottare una corretta alimentazione, fare attività fisica, migliorare la postura, avere piccoli accorgimenti quotidiani e migliorare l’aspetto della pelle. Scopriamo cosa occorre fare per ridurre i cuscinetti sui fianchi.

La giusta alimentazione

Inizia ad inserire le sostanze nutritive di cui ha bisogno il corpo ed elimina gli eccessi. Dai spazio a verdura, frutta, cereali integrali, legumi, germogli, frutta secca, semi, alimenti che rinnovano il collagene, rafforzano i capillari, radicali liberi e riducono lo stress ossidativo. Mangia alimenti ricchi di vitamine, zinco, rame, manganese, potassio e grassi buoni. Mangia lentamente e mastica bene. Bevi almeno 2 litri di acqua al giorno o se non riesci aumenta l’apporto di alimenti ricchi di acqua nella tua dieta quotidiana. 

Riduci sale, zuccheri, latticini, carne, cibi raffinati, confezionati, alcool, condimenti, fritti. Leggi attentamente le etichette quando fai la spesa e scegli quelli che contengono meno sodio e conservanti. 

L’importanza dell'esercizio fisico

Per ottenere il massimo dei risultati ed eliminare il rigonfiamento sui fianchi è necessario svolgere quattro tipi di attività:

  1. Esercizi a corpo libero, con carichi e piccoli attrezzi fitness. Modella il corpo con movimenti isolati e specifici per scolpire e tonificare la zona interessata.
  2. Esercizi aerobici a bassa intensità come, camminare, nuotare, pattinare, andare in bicicletta, spinning, capaci di incrementare la perdita di grasso, migliorare il metabolismo e la circolazione.
  3. Esercizi che prevedono circuiti funzionali ad alta e bassa intensità.
  4. Esercizi di stretching, pilates, yoga, meditazione e rilassamento, per favorire la respirazione profonda, eliminare le scorie, migliorare la circolazione, l'ossigenazione delle cellule e ridurre lo stress.    

Consapevolezza della propria postura

Avere e mantenere una buona postura fa sembrare il corpo più bello è armonioso. Impegnati ogni giorno a tenere spalle ben aperte, la schiena dritta, le anche allineate, i piedi dritti.  Quando sei seduta o in piedi non restare con il peso in appoggio solo su un fianco,  se puoi cambia spesso posizione e cerca di percepire durante il giorno la posizione del tuo corpo nello spazio. Pratica esercizi utile a migliorare la tua postura. 

Alcuni accorgimenti da adottare durante la quotidianità 

Non accavallare le gambe quando sei seduta, non usare vestiti troppo stretti in vita e nei fianchi al punto tale da impedire la normale circolazione. Non usare per tante ore tacchi troppo alti o bassi,  non restare seduta per troppe ore, ogni tanto alzati in piedi. Riduci lo stress e, dormi le ore necessarie per recuperare e rigenerare il tuo fisico.  

Migliora l’aspetto della pelle

Pratica l’automassaggio nella zona interessata con sfioramenti utilizzando oli e creme. Usa le coppette vacum, il rullo fitness e la spazzola body brush. Effettua periodicamente massaggi estetici per migliorare la circolazione, ridurre i ristagni di liquidi e la cellulite. 

Moderazione e pazienza

Segui i nostri consigli con moderazione, durante il tuo programma, non essere troppo severa, concediti qualche piccolo sgarro alimentare e non rifiutare qualche pranzo o cena in compagnia. Cerca di mangiare sano per il maggior numero di giorni possibili e se ogni tanto ti offrono una dolce o qualcosa che ti rende felice mangialo pure. 

Non avere fretta, i cambiamenti con la dieta e l’attività fisica non arrivano subito, occorre tempo. Resta positiva e non mollare, ascolta il tuo corpo e vai avanti con costanza e determinazione. 

Posizione del ponte: un esercizio e mille varianti per glutei super tonici

VEDI ANCHE

Posizione del ponte: un esercizio e mille varianti per glutei super tonici

Esercizi e workout per ridurre ed eliminare le culotte de cheval

Gli esercizi possono essere svolti in qualsiasi momento della giornata, l'importante è farli e non rimandare a domani. Pratica attività fisica almeno 4 volte a settimana. 

Il nostro programma per eliminare le culotte de cheval prevede un allenamento di 4 giorni a settimana per 10 settimane. Tra un esercizio e l'altro fai un recupero di pochi secondi. 

Di seguito trovi il programma, gli esercizi e il circuito funzionale da eseguire nei 4 giorni di allenamento.

Giorno 1

  • 30 minuti di camminata veloce o bicicletta
  • Esercizi 1-2-3-4-5-6 da eseguire in sequenza uno dietro l’altro per 3 volte 
  • 3 minuti di respirazione e rilassamento profondo con le gambe al muro

Giorno 2

  • Esercizi 1-2-3-4-5-6-7-8-9-10 da eseguire in sequenza uno dietro l’altro per 3 volte
  • 2 minuti di rilassamento e respirazione profonda con le gambe al muro

Giorno 3

  • 60  minuti di camminata veloce o bicicletta
  • 10/20 minuti di esercizi di yoga o pilates e stretching

Giorno 4

  • Esercizi 1-2-3-4-5-6-7-8-9-10 da eseguire in sequenza uno dietro l’altro per 2 volte
  • Circuito funzionale ad alta intensità, esegui 2/3 round 
  • 10/20 minuti di stretching
Allenare cosce e glutei con gli squat: la guida definitiva

VEDI ANCHE

Allenare cosce e glutei con gli squat: la guida definitiva

10 Esercizi per le culotte de cheval

Esercizio 1 Sumo squat: da posizione eretta, divarica le gambe e porta le punte dei piedi rivolte all’esterno fino a portare le cosce parallele al pavimento. Scendi giù in squat fino a toccare il pavimento con le mani. Mentre scendi resta con la schiena dritta, le gambe aperte e guarda avanti. Questo esercizio puoi svolgerlo anche con dei carichi ( bilanciere, manubri, Kettlebell, bottiglie) tra le mani. Ripeti per 10-20 volte.

Esercizio 2 Stacchi da terra con carico: da posizione eretta impugna un carico tra le mani. Piega leggermente le ginocchia ed inclinati in avanti, spingi le anche indietro e scendi con i manubri fino alle caviglie, resta con la schiena dritta e risali lentamente. Resta con i pesi davanti le gambe mentre sali e scendi. Ripeti per 10-20 volte.  

Esercizio 3 Alzata della gamba superiore con elastico sul fianco: metti l’elastico alle caviglie e portati su un fianco. Stenditi in una posizione comoda e tieni le gambe leggermente piegate. Tieni il tallone più o meno in linea con l'anca e la spalla. Porta l’elastico in tensione ed effettua delle alzate della gamba in alto. Esegui 10-20 ripetizioni e ripeti con l'altra gamba. 

Esercizio 4 Plank sul lato con sollevamento della gamba superiore con elastico: metti l’elastico alle caviglie, portati in posizione di plank sul lato, con il gomito destro sotto la spalla destra. Resta con le gambe piegate e solleva le anche dal pavimento. Rimani con il fianco destro sollevato da terra, alza la gamba sinistra e metti in tensione l’elastico. Solleva e abbassa senza perdere le tensione dell’elastico la gamba sinistra per 10-20 volte. Ripeti sull’altro fianco.  

Esercizio 5 Plank con apertura e sollevamento della gamba da terra con elastico: metti l'elastico alle caviglie e assumi una posizione di plank con gomiti poggiati a terra e sotto le spalle. Apri le gambe fino a mettere in tensione massima l’elastico.  Attiva il core, solleva il piede destro da terra e spingi in alto la gamba destra per 10-20 volte senza toccare per terra e perdere la tensione dell’elastico. Ripeti con la gamba sinistra.  

Esercizio 6 Crunch gambe alte con elastico tra le caviglie: portati a pancia in alto, metti l’elastico alle caviglie, solleva le gambe verso il soffitto e metti in tensione massima l’elastico. Resta con l'elastico tirato ed effettua 10-20 crunch senza perdere la tensione dell’elastico. 

Esercizio 7 Alzata di gamba su un fianco con gambe piegate a 90 gradi: mettiti su un fianco in posizione comoda con la testa posizionata sopra il braccio e porta l’elastico tra le caviglie. Piega le gambe a 90 gradi devi avere le ginocchia in avanti in linea con le anche più o meno. Solleva e stendi, senza perdere la posizione, fino a che puoi la gamba superiore, metti in tensione l'elastico ed effettua 10-20 alzate in alto senza perdere la tensione dell'elastico. Ripeti sul fianco opposto. 

Esercizio 8 Aperture e sollevamento di gambe laterale a pancia in giù con elastico: posizione l’elastico alle caviglie e portati a pancia in giù. Metti un cuscino sotto il pube e le anche per essere più comoda ed avere un piccolo rialzo. Tieni le mani a terra sotto la fronte e la testa dritta e appoggiata sul dorso delle mani. Apri le gambe, metti in tiro l'elastico, solleva i piedi e le ginocchia dal pavimento. Spremi il sedere, metti in massima tensione l’elastico e solleva e abbassa le gambe senza toccare per terra per 10-20 volte.

Esercizio 9 Sul fianco cerchi con gamba a 90 gradi: mettiti su un fianco in posizione comoda con la testa posizionata sopra il braccio. Piega le gambe a 90 gradi devi avere le ginocchia in avanti in linea con le anche più o meno. Solleva e stendi fino a che puoi la gamba superiore, senza perdere la posizione della coscia che deve rimanere sempre frontale, ed effettua 10-20 cerchi in senso orario e 10-20 in senso antiorario. Ripeti sul fianco opposto. 

Esercizio 10 Alzata di gamba sul lato in posizione a 4 zampe: portati a 4 zampe, poggia il gomito destro a terra sotto la spalla e la mano sinistra al pavimento leggermente più aperta rispetto la spalla. Apri e distesi sul fianco la gamba sinistra, cerca di portare il tallone in linea con l’anca, tieni la testa girata a sinistra e guarda la tua gamba che sale e scende senza toccare il pavimento. Esegui 10- 20 ripetizioni e ripeti con l’altra gamba.  

Circuito funzionale ad alta intensità

Ti occorre un tappetino e degli stracci o sliders per scivolare.

30’ secondi di lavoro 10 secondi di pausa, oppure 20 ripetizioni. Effettua 40 secondi di pausa tra un round e l’altro. Effettua 3 round. 

  • Corsa sul posto ginocchia alte
  • Sumo squat in pulsione 
  • Spiderman push up in scivolamento alternato  
  • Plank in scivolamento apri chiudi gambe tese
  • Mountain climber in scivolamento veloce
  • Burpees
  • Affondo sul lato gamba destra in scivolamento
  • Affondo sul lato gamba sinistra in scivolamento
  • Ponte glutei in scivolamento ( resta con il gluteo sollevato e fai scivolare gli stracci avanti e dietro senza distendere completamente le ginocchia)
  • Addominali v-up

Se vuoi ottenere dei risultati reali e duraturi, abbi cura del tuo corpo. Impegnati per portare a termine con successo questo programma di allenamento e gli altri consigli che hai letto in questo articolo. 

Culotte de cheval: tutti i “do” e i “don’t” per nasconderle a colpi di stile

VEDI ANCHE

Culotte de cheval: tutti i “do” e i “don’t” per nasconderle a colpi di stile

Riproduzione riservata